Logo salute24

Vino rosso, protegge dai danni vascolari causati dal fumo

Ma l’effetto protettivo è a breve termine, per cui il consumo della bevanda è indicato per i fumatori occasionali

Prima di fumare una sigaretta, bere un po’ di vino rosso potrebbe prevenire i danni vascolari a breve termine provocati dal tabacco. Ad affermarlo, in uno studio pubblicato sulla rivista The American Journal of Medicine, sono i ricercatori della Universität des Saarlandes di Homburg (Germania), secondo cui l’effetto vasoprotettivo della bevanda sarebbe dovuto all’elevato contenuto di fenoli.

 

La ricerca è stata condotta su 20 persone giovane e sane, che non avevano il vizio del fumo. Alla metà dei partecipanti è stato chiesto di bere del vino rosso fino a raggiungere un tasso alcolemico di 0,75%. Dopo un’ora, tutti i volontari sono stati invitati a fumare tre sigarette. Gli scienziati hanno raccolto alcuni campioni di sangue e di urina dei soggetti prima dell’inizio dell’esperimento, subito dopo che gli individui avevano fumato e a distanza di 18 ore dal termine dell’esperimento. Hanno quindi analizzato tutti i dati raccolti, scoprendo che il vino rosso aveva protetto i volontari dagli effetti nocivi delle sigarette.

 

Il fumo provoca il rilascio nel flusso sanguigno di microparticelle, che provengono da cellule endoteliali, piastrine e monociti. La presenza di queste sostanze indica, quindi, un danneggiamento delle cellule dei vasi sanguigni. I ricercatori hanno osservato che nei soggetti che avevano consumato il vino prima di fumare, questi cambiamenti cellulari non si erano verificati.

 

Leggi anche: Resveratrolo, assunto in piccole dosi previene cancro intestinale

 

Inoltre, la bevanda aveva anche protetto i telomeri, molecole situate nella parte terminale dei cromosomi, che proteggono dalla perdita del Dna durante la divisione cellulare e che si accorciano con il passare del tempo. Il fumo, infatti, ostacola l’azione della telomerasi, un enzima che previene l’accorciamento dei telomeri. Gli scienziati hanno rilevato che nei soggetti che non avevano consumato il vino, le sigarette avevano causato una riduzione del 56% dell’azione della telomerasi. Invece, nei volontari che avevano bevuto la bevanda, il calo di attività si era fermato al 20%.

 

“Ci sono diverse prove dei potenziali effetti vasoprotettivi del vino rosso sul breve termine, nei fumatori sani - osserva Viktoria Schwarz, che ha diretto l’indagine -. Lo scopo del nostro studio era quello di analizzare gli effetti vascolari acuti derivanti dal consumo di vino rosso negli individui sani prima di una ‘fumata occasionale’. Abbiamo trovato la prova che il pre-consumo di vino rosso ha impedito la maggior parte dei danni vascolari causati dal fumo”.

 

Foto: © Africa Studio - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 21/02/2017