Logo salute24

Equilibrio, diminuisce dopo i 40 anni

Colpa del peggioramento della funzione vestibolare

La capacità di mantenere l’equilibrio diminuisce dopo i 40 anni. Il motivo? A quell’età comincia a peggiorare il funzionamento del sistema vestibolare, un apparato localizzato al livello dell'orecchio interno, che fornisce informazioni sulla posizione della testa e del corpo nello spazio. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Neurology dai ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston (Usa), coordinati da Daniel M. Merfeld, che afferma: “Nel nostro studio, il declino vestibolare era chiaramente evidente al di sopra dei 40 anni. L'aumento delle soglie vestibolari era strettamente correlato al peggioramento dell’equilibrio, e sappiamo da studi precedenti che chi ha un minore equilibrio ha maggiori probabilità di cadere”.

 

L’indagine ha coinvolto 105 persone di età compresa tra 18 e 80 anni, che sono state invitate a sottoporsi a diversi esami diretti a testarne l’equilibrio. In particolare, gli autori ne hanno misurato le “soglie vestibolari”, che si riferiscono al livello in cui un soggetto è in grado di percepire correttamente movimenti minimi. Ciò significa che se la soglia è bassa, l’equilibrio è elevato, mentre se risulta alta, l’equilibrio appare compromesso.

 

Leggi anche: Pressione alta a  50 anni? Rischio demenza da anziani

 

Al termine dell’esperimento, gli scienziati hanno scoperto che a partire dall’età di 40 anni, diminuisce la capacità del sistema vestibolare di ricevere informazioni sensoriali su movimento, equilibrio e orientamento spaziale. È, infatti, emerso che i partecipanti che avevano un’età inferiore ai 40 anni presentavano una bassa soglia vestibolare e un buon equilibrio. Invece, gli over 40 mostravano una soglia più elevata che tendeva ad aumentare sempre di più con il passare degli anni. 

 

La scoperta, secondo i ricercatori, potrebbe consentire lo sviluppo di nuovi trattamenti capaci d’incrementare l’equilibrio e prevenire le cadute in età avanzata. “Eravamo a conoscenza da molto tempo del fatto che i pazienti con disturbi vestibolari avessero uno scarso equilibrio - prosegue il dottor Merfeld -. Se il peggioramento della funzione vestibolare può causare cadute, potrebbe essere possibile sviluppare ausili che facilitino l’equilibrio o individuare esercizi terapeutici fisici in grado di migliorare l'equilibrio o la funzione vestibolare, allo scopo di prevenire le cadute”.

 

Foto: © Pixabay

di Nadia Comerci
Pubblicato il 28/12/2016

potrebbe interessarti anche: