Logo salute24

Perché si invecchia? Svelato il mistero

Per secoli gli uomini hanno rincorso l`idea di possedere l`elisir di giovinezza, provando ogni tecnica a loro disposizione: dalla medievale alchimia fino alla moderna cosmetica. E se il segreto per andare avanti con l`età e non invecchiare fosse dentro di noi? È stata forse scoperta, infatti, la molecola responsabile dell`invecchiamento. È quanto emerge dalla ricerca pubblicata su Cell dai ricercatori della Harvard Medical School di Boston, secondo cui il meccanismo che regola l`invecchiamento va ricercato nel comportamento della proteina sirtuin.
Secondo gli studiosi il processo di invecchiamento è uguale in tutti gli organismi viventi, da quelli più semplici fino all`uomo. Da precedenti esperimenti sui funghi, e da questa ricerca condotta sui topi, gli esperti hanno scoperto che sirtuin sorveglia i modelli di espressione genica, ovvero l`"accensione" e lo "spegnimento" dei geni  presenti nelle cellule. In ciascun istante della vita della cellula solo alcuni geni - e non altri - devono essere funzionanti, altrimenti la cellula potrebbe essere danneggiata.
Il sirtuin, tuttavia svolge anche un altro compito: interviene ad "aggiustare" il Dna danneggiato. Ciò significa che mentre la proteina è impegnata altrove, nella cellula incustodita i geni possono assumere comportamenti nocivi. Nella maggior parte dei casi la molecola rientra al suo posto in tempo per evitare danni permanenti ma in tarda età, quando sono più frequenti i danni al Dna (causati dall`indebolimento dei mitocondri), gli interventi "esterni" del sirtuin si moltiplicano, e la deregolamentazione fra i geni diventa cronica.
I ricercatori hanno somministrato ai topi dosi extra del sirtuin, rilevando un allungamento della vita media dal 24 a 46%. Ciò ha dimostrato, secondo gli studiosi, che "mentre i danni al Dna aggravano l`invecchiamento, la vera causa è tuttavia da imputare alla mancanza di regolamentazione dei geni". Pertanto "con più sirtuin, la riparazione del Dna potrebbe essere più efficiente, consentendo una regolazione più efficace dell`espressione genica anche in età avanzata". La ricerca dunque potrebbe dare il via a nuove sperimentazioni in grado di "proteggere le cellule contro le devastazioni del tempo".

di nadia comerci
Pubblicato il 28/11/2008