Logo salute24

Gravidanza, i 10 sintomi vissuti dalle donne incinte

Ecco alcuni dei disturbi che possono comparire dopo il concepimento

Il test di gravidanza ha dato esito positivo, e la visita dal ginecologo ha confermato la vostra gravidanza. Quali sono i sintomi che potrebbero accompagnarvi in questi prime settimane della gestazione? Ecco alcuni dei problemi più comunemente sperimentati dalle donne quando rimangono incinte.

 

1. L'avversione per il cibo. Non è raro che una donna incinta si senta letteralmente nauseata anche dal solo profumo di alcuni cibi o bevande. Secondo l'ipotesi più diffusa ciò è dovuto all'aumento degli estrogeni in circolo nell'organismo, ma non risultano studi scientifici che lo abbiamo dimostrato.

 

2. Gli sbalzi d'umore. Anche in questo caso ad entrare in gioco sarebbero i cambiamenti ormonali tipici della gravidanza. Alcune donne hanno picchi di buonumore o di malumore, mentre altre sviluppano forme di ansia o si sentono depresse.

 

3. Il gonfiore addominale. La sensazione provata può essere simile a quelle associate all'imminente arrivo delle mestruazioni.

 

4. La necessità di fare spesso pipì. Ad aumentarla è il maggiore flusso di sangue nei reni scatenato dai cambiamenti ormonali, che porta la vescica a riempirsi più rapidamente.

 

5. La sensazione di affaticamento. Le sue cause non sono state ancora accertate, ma anche in questo caso il dito viene puntato contro agli ormoni. In particolare, il progesterone contribuirebbe alla sensazione di sonnolenza, che però potrebbe essere anche una conseguenza delle difficoltà a riposare dovute alle nausee mattutine e alla necessità di alzarsi di notte per andare al bagno.

 

6. La sensibilità al seno. Le mammelle si gonfiano e diventano più sensibili a causa dei cambiamenti ormonali. La sensazione avvertita può essere anche più fastidiosa rispetto a quella provata da diverse donne a causa del ciclo mestruale.

 

7. Le perdite vaginali. Si tratta di sanguinamenti lievi o spotting, probabilmente associati dall'impianto dell'embrione nella parte dell'utero.

 

8. La nausea. In alcuni casi inizia già 2 settimane dopo il concepimento, mentre per altre donne si tratta di un disturbo che compare 1 o 2 mesi donne dopo essere rimaste incinte.

 

9. L'aumento della temperatura basale. Più che un fastidio associato alla gestazione può essere considerato un indizio del fatto di essere rimaste incinte. Le donne che monitorano questo parametro possono sospettare una gravidanza se rimane elevato per più di due settimane.

 

10. L'assenza del ciclo mestruale. La più scontata delle conseguenze della gravidanza è l'interruzione delle mestruazioni. Per le donne che hanno un ciclo regolare la loro assenza è un sintomo pressoché certo di gravidanza; se, poi, si aggiungono altri indizi come dolori al seno e aumento della necessità di fare pipì restano ben pochi dubbi. Per eliminarli basta effettuare un test di gravidanza e rivolgersi al proprio ginecologo per una visita che accerti il concepimento.

 

Foto: © Giovanni Cancemi - Fotolia.com

di red.
Pubblicato il 04/01/2017