Logo salute24

Con la luce blu il sole aumenta le difese immunitarie

A suggerirlo è uno studio pubblicato su Scientific Reports

Non solo gli ultravioletti ma anche la luce blu presente nei raggi del sole aiutano a migliorare le difese immunitarie. E' questo quanto sembra emergere da uno studio del Centro Medico della Georgetown University (Washington, Stati Uniti) pubblicato da Gerard Ahern e collaboratori sulle pagine di Scientific Reports. Studiando cellule di topo e cellule isolate da sangue umano i ricercatori hanno infatti scoperto che la luce solare promuove l'attività dei linfociti T (cellule del sistema immunitario) proprio attraverso la sua componente blu.

 

Già da tempo è noto che i raggi del sole stimolano la produzione di vitamina D nella pelle, e che questo effetto influenza anche le difese immunitarie. Questo nuovo studio svela che la loro componente blu permette ai linfociti T di muoversi più rapidamente. “Abbiamo scoperto che la luce del sole porta alla formazione di acqua ossigenata nei linfociti T, e che questo li fa muovere – precisa Ahern – E sappiamo che una risposta immunitaria utilizza anche l'acqua ossigenata per far muovere le cellule verso il danno”. Infatti per poter svolgere la loro funzione i linfociti T devono spostarsi verso il luogo in cui è concentrata l'infezione, dove orchestreranno la loro risposta di difesa. “Tutto torna”, commenta il ricercatore.

 

Secondo l'esperto, docente presso il Dipartimento di Farmacologia dell'ateneo statunitense, “alcuni dei ruoli attribuiti alla vitamina D nel campo dell'immunità potrebbero dipendere da questo nuovo meccanismo”. La scoperta dovrà essere confermata da studi condotti su linfociti T della pelle umana, ma Ahern sembra avere pochi dubbi: “Sappiamo che la luce blu può raggiungere il derma, il secondo strato della pelle, e che questi linfociti T possono muoversi nell'organismo”. “I linfociti T possiedono una fotosensibilità intrinseca – concludono i ricercatori – e questa proprietà potrebbe aumentare la loro motilità nella pelle”.

 

 

Foto: Pixabay

di Silvia Soligon
Pubblicato il 09/05/2018