Logo salute24

Sale, sì agli investimenti per ridurne il consumo

Vantaggiosi dal punto di vista economico, aiutano a ridurre gli anni di vita persi a causa della disabilità

Investire in iniziative che incoraggino la popolazione a ridurre il consumo quotidiano di sale è una strategia economicamente vincente per ridurre gli anni di vita persi a causa della disabilità (Disability-Adjusted Life Years, Daly), parametro che tiene conto contemporaneamente dell'impatto dei decessi prematuri e di quello della convivenza con una patologia o con le sue conseguenze. A certificarlo è uno studio condotto in 183 diverse nazioni in cui sono stati presi in considerazione gli effetti del sodio (elemento apportato dal comune sale da cucina) sulla pressione sanguigna e quelli di quest'ultima sulle malattie cardiovascolari, pubblicato su The BMJ da un gruppo di ricercatori coordinato dall'esperto della Tufts University di Boston Dariush Mozaffarian.

 

Analizzando questi dati e tenendo in considerazione i costi delle iniziative mirate alla riduzione dell'apporto di sodio è stato stimato che ridurre il consumo di sale del 10% nell'arco di 10 anni potrebbe far risparmiare 5,8 milioni di Daly che ogni anni andrebbero altrimenti persi a causa di problematiche cardiovascolari, in particolare coronaropatie (42%) e ictus (18%). Nella sola Europa occidentale significherebbe evitare più di 282 Daly all'anno al costo di meno di 450 euro per Daly risparmiato, ma come sottolineato da Michael Webb, primo nome dello studio, “un piano nazionale supportato dal governo per ridurre il sale sarebbe vantaggioso dal punto di vista dei costi in quasi tutte le nazioni del mondo”.

 

Leggi anche: Con meno sale meno mal di testa.

 

“Sappiamo che l'eccesso di sale nell'alimentazione causa centinaia di migliaia di morti cardiovascolari ogni anno – ha osservato Mozaffarian – Comunque la si metta, i programmi nazionali per la riduzione del sale che abbinano obiettivi industriali e l'educazione del pubblico sono il miglior affare che i governi e i decisori politici possano fare”.

 

Foto: © Spofi - Fotolia.com

di Silvia Soligon
Pubblicato il 06/04/2017

potrebbe interessarti anche: