Logo salute24

Dieta, test delle urine svela quali alimenti sono stati consumati

L’esame diagnosticato potrebbe essere utilizzato nei programmi di perdita di peso

Un nuovo test delle urine sarebbe in grado di rivelare, nel giro di cinque minuti, il regime alimentare seguito da una persona. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Lancet diabetes and endocrinology da un gruppo di ricerca internazionale coordinato da Gary Frost, dell’Imperial College di Londra (Regno Unito), che afferma: “Una delle principali debolezze degli studi nutrizionali è costituita dall’assenza di una misura vera e propria di ciò che mangia la gente. Facciamo affidamento esclusivamente su quanto ci riferiscono le persone – ma le ricerche a disposizioni suggeriscono che circa il 60% degli individui tende, in qualche misura, a fornire un resoconto errato dei cibi che consuma. Questo test potrebbe quindi rappresentare il primo indicatore indipendente della qualità della dieta di una persona e di ciò che realmente mangia”.

 

Il test sviluppato dagli scienziati è in grado di misurare i marcatori biologici presenti nell’urina, derivanti dalla scomposizione di diversi alimenti, come carne rossa, pollame, pesce, frutta e verdura. In soli cinque minuti fornisce un’informazione accurata di ciò che le persone mangiano e un'indicazione della quantità di grassi, zuccheri, fibre e proteine assunti attraverso l’alimentazione.

 

Leggi anche: Sniff test,  facilita diagnosi precoce dell’Alzheimer

 

Nel corso dello studio, i ricercatori hanno testato l’efficacia dell’analisi su 19 volontari, che sono stati invitati a seguire per tre giorni quattro diete differenti. Gli scienziati hanno raccolto i campioni di urina dei soggetti tre volte al giorno, durante il mattino, il pomeriggio e la sera. Hanno poi ricercato i metaboliti – composti chimici prodotti dal metabolismo – relativi a numerosi alimenti, all’interno di tutti i campioni. Al termine dell’esperimento, sono stati in grado di risalire alla dieta seguita da ciascun partecipante. 

 

Successivamente, gli specialisti hanno testato l'accuratezza del test utilizzando i dati raccolti da uno studio precedente, che aveva coinvolto 225 cittadini britannici e 66 danesi. Anche in questo caso, il test delle urine ha permesso agli scienziati d’individuare con precisione la dieta seguita da tutti i volontari. Nonostante debba essere ulteriormente migliorato, secondo gli esperti l’esame diagnostico in futuro permetterà ai medici di monitorare la dieta dei pazienti. Inoltre, ritengono che il test potrebbe essere impiegato nei programmi di perdita di peso, per verificare se il paziente osserva il regime alimentare prescritto. 

 

Foto: © Giuseppe Porzani Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 23/01/2017

potrebbe interessarti anche: