Logo salute24

Spinaci, cavolo e carne: la dieta per andare bene a scuola

Per avere successo negli studi occorre mangiare spinaci, cavoli e carne. L’assunzione regolare di ferro potrebbe, infatti, migliorare il rendimento scolastico degli studenti. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista The Journal of Nutrition dai ricercatori statunitensi della Pennsylvania State University di University Park (Usa) e della University of Nebraska di Lincoln (Usa). Secondo gli esperti, oltre all’alimentazione bisogna però curare anche la forma fisica: chi è più allenato tenderebbe, infatti, ad andare meglio a scuola.

 

La ricerca è stata condotta su 105 studentesse universitarie di età compresa tra 18 e 35 anni. Gli autori hanno cercato, in particolare, se esistesse un’associazione tra il loro rendimento scolastico – misurato attraverso il punteggio Gpa (grade point average) che rappresenta la “media dei voti dello studente” -, la frequenza con cui praticavano uno sport e i livelli di ferro presenti nel loro sangue.

 

Al termine dell’indagine, i ricercatori hanno scoperto che l’attività fisica e il minerale influenzavano la capacità delle partecipanti di ottenere buoni voti. È, infatti, emerso che le volontarie che avevano livelli più elevati di ferro avevano la media più alta. Inoltre, quelle che erano più in forma e avevano livelli di ferro nella norma avevano una media superiore di 0,34 punti rispetto alle partecipanti meno allenate, che mostravano carenze di ferro.

 

I ricercatori ritengono che questi risultati siano dovuti ai numerosi effetti benefici prodotti dal minerale e dall’esercizio fisico. Il ferro contribuisce, spiegano, allo svolgimento di alcune funzioni essenziali per l’organismo, come il trasporto dell'ossigeno nel sangue. Per questo motivo, la sua carenza risulta associata a una sensazione di spossatezza, a una minore resistenza e a uno scarso rendimento scolastico. Per quanto riguarda lo sport, gli studiosi sottolineano che essere in buona forma fisica influenza positivamente la salute generale, le attività cognitive e l’apprendimento. Pertanto, concludono che chi vuole ottenere il massimo dei voti dovrebbe seguire una dieta ricca di ferro e allenarsi con regolarità

 

Foto: © Pixabay

di Nadia Comerci
Pubblicato il 30/01/2017

potrebbe interessarti anche: