Logo salute24

Medicina difensiva, esami clinici aumentano del 20% all'anno

La medicina difensiva contribuisce a far crescere il numero di esami clinici condotti in Italia di ben il 20% all'anno. La stima arriva da Marcello Ciaccio, presidente nazionale Sibioc (Società Italiana di Biochimica e Biologia Molecolare Clinica), secondo cui alla luce nell'inappropriatezza delle diagnosi sarebbe necessario riorganizzare l'attuale rete dei laboratori. Secondo l'esperto se le strutture che forniscono servizi ultra specialistici fossero limitate si riuscirebbe a ridurre gli sprechi e le analisi che restituendo risultati “falsi positivi” portano al ulteriori costi per sostenere indagini o terapie a loro volta inutili.

 

Come ha infatti sottolineato Ciacco, gli esami clinici influenzano il 70% delle diagnosi e, di conseguenza, dei trattamenti. Gli italiani vi fanno sempre più ricorso anche a causa della deospedalizzazione delle persone che convivono con patologie croniche; anche per questo l'incremento più significativo delle prescrizioni riguarda campi come quello delle patologie cardiovascolari, del diabete e dell'insufficienza renale. Contrastare questa tendenza all'aumento aiuterebbe non solo ad evitare sprechi ma anche a migliorare l'assistenza.

 

 

Foto: © nito - Fotolia.com

di red.
Pubblicato il 31/01/2017

potrebbe interessarti anche: