Logo salute24

Combattere l'artrite reumatoide: lo stile di vita amico delle articolazioni

In Italia è compagna di vita per circa 400 mila persone, fra cui 5 mila ne soffrono in una forma grave, e corrisponde al 6% dei casi di malattie reumatiche: è l'artrite reumatoide, patologia autoimmune che rappresenta la forma più diffusa di artrite infiammatoria. Ad esserne più colpite sono le donne, fra cui la sua incidenza è 6 volte maggiore nella fascia d'età tra i 60 e i 64 anni rispetto a quella fra i 18 e i 29 anni.

 

Entro una ventina d'anni dall'esordio della malattia chi ne è colpito sviluppa una disabilità. Più in generale, l'artrite reumatoide può influenzare significativamente la qualità della vita di chi ne soffre. Fortunatamente i Dmard (Disease-modifying antirheumatic drugs, farmaci spesso prescritti entro 3 mesi dalla diagnosi) aiutano a prevenire la deformazione delle articolazioni alla base di queste disabilità. Il trattamento della patologia non è però sempre solo farmacologico, anzi, in genere viene prescritta una terapia combinata.

 

Uno stile di vita adeguato può infatti essere molto utile nella gestione dei sintomi. Da questo punto di vita è possibile trarre vantaggi sia dall'alimentazione che dall'attività fisica. La prima dovrebbe fondamentalmente essere di tipo antinfiammatorio. Fra i suoi ingredienti possono essere inclusi frutta e verdura fresche, cereali (meglio se integrali), legumi, frutta secca, semi, pesce ricco di omega 3 (come il salmone, lo sgombro e le aringhe), curcuma (una spezia dalle proprietà antinfiammatorie) e probiotici (in particolare L. casei 01). Omega 3, curcuma e probiotici possono essere assunti anche sotto forma di integratori; inoltre sembra anche che i supplementi a base di boswellia possano aiutare a combattere l'artrite reumatoide. Prima di assumere questi o altri prodotti è però importante consultarsi con il proprio medico.

 

L'attività fisica può invece aiutare a rafforzare i muscoli associati alle articolazioni colpite dalla malattia. E' però importante scegliere attività a basso impatto, come il nuoto o pedalare in bicicletta, sempre previa approvazione da parte del medico. Lo stretching può invece aiutare a ridurre i sintomi, così come anche i trattamenti con il caldo e con il freddo.

 

Infine, per chi soffre di artrite reumatoide è fondamentale un riposo adeguato, bilanciato con l'attività fisica necessaria per promuovere la salute delle articolazioni colpite dalla malattia. Per rilassarsi possono essere utili anche la meditazione, il Tai chi, lo yoga, il qi gong e altre pratiche che aiutano a ridurre lo stress in modo dolce.

 

 

Foto: Pixabay

di red.
Pubblicato il 24/02/2017