Logo salute24

Endocardite, i batteri prendono il cuore al lazo

Cosa può scatenare un'endocardite, infezione che porta alla formazione di coaguli di sangue a livello delle valvole del cuore? A volte ad entrare in gioco sono i batteri presenti nella bocca, come Streptococcus gordonii. Le conseguenze del loro passaggio nel sangue possono essere molto gravi; oggi un nuovo studio apre la porta alla messa a punto di nuove strategie per evitarle, svelando i meccanismi molecolari grazie ai quali S. gordonii interagisce con la superficie delle cellule umane, passaggio fondamentale per l'infezione.

 

Pubblicato sul Journal of Biological Chemistry da un gruppo di ricercatori guidato dagli esperti dell'Università di Bristol (Regno Unito), lo studio in questione ha svelato che S. gordonii utilizza una sua proteina (CshA) come se fosse un lazo. La sua porzione terminale, molto flessibile, gli permette di agganciare molecole presenti sulla superficie delle cellule umane; l'aggancio permette quindi a un'altra porzione di CshA di stringere il legame, ancorando il batterio alle cellule.

 

“Quello che il nostro lavoro ha svelato è un meccanismo completamente nuovo attraverso cui S. gordonii e batteri simili riescono a legarsi ai tessuti umani”, sottolinea Catherine Back, prima firma della pubblicazione. La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di nuovi farmaci a base di molecole che colpiscano uno dei due passaggi del processo, oppure entrambi. Quest'ultima eventualità – spiega Paul Race, coresponsabile dello studio – “è particolarmente intrigante, dato che i batteri tendono in genere di meno a diventare resistenti ad agenti che colpiscono più passaggi in un processo di infezione”.

 

“Con i dettagli a livello molecolare forniti dal nostro studio – conclude Angela Nobbs, coresponsabile dello studio insieme a Race – ora c'è la possibilità reale di indiziare a sviluppare agenti anti-adesivi che colpiscano gli streptococchi che possono causare malattie e batteri ad essi correlati”.

 

Foto: © freshidea - Fotolia.com

 

di Silvia Soligon
Pubblicato il 08/02/2017

potrebbe interessarti anche: