Logo salute24

Bambini, per imparare meglio devono dormire

Fin dai primi anni di vita, il sonno agevola l'apprendimento. I bimbi tendono, infatti, a ricordare meglio le informazioni apprese, se dopo averle imparate hanno la possibilità di schiacciare un pisolino. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Child development dagli scienziati dell'Università dell'Arizona di Tucson (Usa), secondo cui in tenera età i sonnellino avrebbero la capacità di consolidare la memoria.

 

L'indagine è stata condotta su 39 bimbi dell'età di tre anni, alcuni dei quali erano abituati a fare il sonnellino – lo facevano almeno quattro giorni a settimana -, mentre gli altri non lo erano - ne schiacciavano uno non più di tre volte a settimana. I piccoli partecipanti sono stati invitati a svolgere un esercizio destinato all'apprendimento di due nuovi vocaboli inventati, per l'occasione, dai ricercatori: i verbi “blicking” e “rooping”. Inoltre, hanno visualizzato un video in cui due attori eseguivano le azioni corrispondenti al significato di ciascun verbo. Infine, gli studiosi hanno suddiviso i bimbi in due gruppi: i primi avevano la possibilità di dormire per almeno 30 minuti dopo aver svolto il test, mentre gli altri avevano l'incarico di restare svegli.

 

Il giorno successivo, i ricercatori hanno fatto vedere ai bambini un altro video in cui le azioni raffigurate dal filmato precedente venivano eseguite da nuovi attori. Hanno, quindi, chiesto ai piccoli d'indicare quale personaggio agisse in modo corrispondente al verbo “blicking” e quale al verbo “rooping”. Al termine dell'esperimento, hanno scoperto che il pisolino aveva favorito l'apprendimento dei nuovi termini. I bimbi che avevano dormito dopo aver svolto l'esercizio avevano, infatti, ottenuto risultati migliori rispetto ai loro coetanei che erano rimasti svegli nelle cinque ore successive. 

 

Gli autori precisano che questi risultati erano indipendenti dal fatto che i piccoli fossero abituati o meno a fare il sonnellino. “I verbi sono interessanti perché sappiamo che per i bambini sono molto impegnativi da imparare e da ricordare nel corso del tempo – spiega Michelle Sandoval, che ha diretto lo studio -. Indipendentemente dal fatto che fossero abituati a fare il pisolino o che non lo fossero, i bambini che hanno schiacciato un sonnellino dopo aver appreso i nuovi verbi avevano maggiori capacità di generalizzare, mentre quelli che erano rimasti svegli il giorno successivo non erano in grado di farlo”. 

 

Foto: © Steve Lovegrove - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 10/03/2017

potrebbe interessarti anche: