Logo salute24

Infezioni respiratorie: sì alla vitamina D, è efficace

Siete alla ricerca di un rimedio naturale contro raffreddore, influenza e altre infezioni respiratorie? La vitamina D potrebbe fare al vostro caso. Una nuova analisi pubblicata su Bmj sembra infatti fornire la prova definitiva dell’efficacia dell’assunzione di questo prezioso micronutriente, fino ad oggi messa in discussione dai risultati contrastanti degli studi condotti sul tema.

 

L’analisi, condotta da un gruppo di ricercatori guidato dall’esperto della Queen Mary University di Londra Adrian Martineau, si è basata sui dati grezzi raccolti proprio in alcuni di questi studi, per un totale di circa 11 mila individui coinvolti. “Ci ha permesso di risolvere la spinosa questione del perché la vitamina D ‘funzionasse’ in alcune sperimentazioni, ma non in altre - spiega Martineau - La morale è che gli effetti protettivi dell’integrazione con vitamina D sono più forti in chi ha i livelli di vitamina D più bassi, e quando la supplementazione è giornaliera o settimanale anziché in dosi più distanziate nel tempo”. Dall’analisi è infatti emerso che assumere quotidianamente o settimanalmente vitamina D dimezza il rischio di infezioni respiratorie acute solo quando i livelli basali di questo micronutriente sono inferiori a 25 nmol/L; in caso di livelli basali superiori è invece possibile beneficiare solo di una riduzione più modesta, pari al 10%.

 

La vitamina D presente nell’organismo deriva per lo più dalla sua produzione a livello della pelle, permessa dall’esposizione alle radiazioni UVB presenti nei raggi del sole. Le sue fonti alimentari sono invece poche, ma l’uso di cibi fortificati ha permesso di eliminare gravi carenze di questo micronutriente in diverse nazioni. “Dimostrando questo nuovo beneficio della vitamina D, il nostro studio rafforza la tesi [dell’opportunità] di introdurre [l’uso di] cibi fortificati per migliorare i livelli di vitamina D in paesi (…) in cui le gravi carenze di vitamina D sono comuni”.

 

Foto: colindunn - Flickr

di Silvia Soligon
Pubblicato il 17/02/2017

potrebbe interessarti anche: