Logo salute24

Demenza senile, la protezione del tè

Il consumo quotidiano di tè potrebbe dimezzare il rischio di demenza senile. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Journal of nutrition, health and aging dai ricercatori della National University di Singapore, secondo cui tra gli anziani geneticamente predisposti allo sviluppo dell'Alzheimer, bere almeno 200 ml di tè al giorno potrebbe ridurre fino all'86% le probabilità di andare incontro al declino cognitivo.

 

Nel corso della ricerca, gli autori hanno monitorato lo stato di salute, le abilità cognitive e lo stile di vita di 957 cittadini cinesi di età pari o superiore a 55 anni. Una parte dei volontari era portatrice di una particolare mutazione genetica, la variante “allele e4” del gene Apoe, che risulta associata a un aumento del rischio di sviluppare l'Alzheimer. Gli scienziati hanno visitato i partecipanti ogni due anni per 7 anni, dal 2003 al 2010. Al termine di questo periodo, hanno scoperto che l'assunzione quotidiana di tè sarebbe in grado di proteggere dalla demenza senile.

 

In particolare, hanno osservato che bere ogni giorno almeno 200 ml di tè abbasserebbe il rischio di declino cognitivo del 50%. Non è tutto: tra i soggetti portatori della variante genica, sarebbe in grado di ridurne il pericolo fino all'86%. Gli scienziati hanno anche rilevato che l'effetto neuroprotettivo del tè non dipende dalla sua varietà: quello verde, quello nero e altri tipi producono gli stessi effetti benefici. 

 

Gli studiosi ritengono che l'azione protettiva della bevanda sarebbe dovuta ai composti bioattivi che vi sono presenti - come le catechine, la L-teanina, le teaflavine e le tearubigine -, che hanno proprietà anti-infiammatorie e sarebbero in grado di proteggere il cervello. “I dati del nostro studio suggeriscono che un'abitudine semplice e poco costosa, come bere un tè al giorno – conclude Lei Feng, che ha diretto l'indagine -, può ridurre il rischio di sviluppare disturbi neurocognitivi in tarda età”.

 

Foto: © Liv Friis-larsen - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 21/03/2017

potrebbe interessarti anche: