Logo salute24

Cos'è l'uretrite? La diagnosi e i rimedi

Può colpire a qualsiasi età sia uomini che donne, ma il gentil sesso è esposto a un maggior rischio a causa delle sue caratteristiche anatomiche: è l'uretrite, un'infiammazione del condotto che convoglia l'urina dalla vescica verso l'esterno del corpo. Non trattarla può scatenare complicanze come infezioni dell'uretere, dei reni e della vescica che se trascurate possono danneggiare gli organi colpiti o far estendere ulteriormente l'infezione al sangue (con il conseguente rischio di gravi forme di sepsi), mettere a rischio la fertilità e la salute sessuale femminile (con il rischio di dolore – anche durante i rapporti sessuali – e di gravidanze ectopiche) e causare infiammazioni della prostata o dolorosi restringimenti dell'uretra. Cosa può causarla? E come riconoscerla e curarla?

 

Le cause. L'uretrite può essere scatenata da un'infezione batterica o virale. Tra i microbi che possono scatenarla sono incluse specie naturalmente presenti nell'area genitale o che possono essere associate anche ad infezioni alla vescica o ai reni, come il papillomavirus umano (Hpv), l'Herpes simplex (Hsv), il citomegalovirus (Cmv), Neisseria gonorrhoeae, Clamydia trachomatis e Mycoplasma genitalium.

 

I sintomi. A volte, soprattutto quando colpisce delle donne, l'uretrite può rimanere asintomatica. Anche negli uomini, in particolare se alla base dell'infezione ci sono la clamidia o Trichomonas, i sintomi possono essere assenti. Quando compaiono, invece, includono bruciore durante la minzione, prurito, bruciore o perdite vicino all'apertura dell'uretra (all'apice del pene) e presenza di sangue nello sperma o nell'urina negli uomini e fastidi durante la minzione, maggiore 'urgenza di recarsi al bagno, bruciore o irritazione all'apertura dell'uretra e, a volte, perdite vaginali anomale.

 

La diagnosi. Per riconoscere l'uretrite i medici si basano sui sintomi descritti dal paziente e su una vista medica che può includere l'analisi dell'area genitale. A seconda degli esiti della visita potrebbero essere prescritti analisi delle urine o tamponi uretrali o vaginali.

 

La terapia. Il trattamento dell'uretrite si basa sull'assunzione di antibiotici (in genere per via orale) o antivirali. Fra le molecole che potrebbero essere prescritte sono incluse l'azitromicina, la doxiciclina, l'eritromicina, l'ofloxacina e la levofloxacina. Se l'infezione è di un tipo sessualmente trasmissibile il trattamento potrebbe dover essere esteso anche al partner del paziente.

 

I rimedi naturali. A volte per combattere l'uretrite vengono consigliati rimedi a base di cranberry, la cui efficacia è però ancora controversa. In generale, è buona norma evitare saponi e detergenti intimi contenenti profumazioni o altre sostanze irritanti; inoltre anche evitare il consumo di caffeina, dolcificanti artificiali, alcolici, pomodori e cibi speziati può essere utile.

 

La prevenzione. Il rischio di ritrovarsi alle prese con l'uretrite può essere ridotto utilizzando il profilattico durante i rapporti sessuali e con semplici accorgimenti come bere in abbondanza, evitare i cibi acidi e, soprattutto in caso di ipersensibilità, limitare l'uso di prodotti spermicidi.

 

 

Foto: © Piotr Marcinski - Fotolia.com

di red.
Pubblicato il 07/06/2017