Logo salute24

Alcol, un italiano su cinque beve ogni giorno

Un italiano su cinque consuma ogni giorno bevande alcoliche. Lo evidenza il rapporto: “Il consumo di alcol in Italia”, pubblicato dall’Istat, che ha analizzato l’assunzione degli alcolici da parte dei cittadini italiani di età pari o superiore a 11 anni nel 2016.

 

Secondo l’indagine, lo scorso anno il 21,4% della popolazione italiana di 11 anni e più beveva alcolici tutti i giorni. Si tratta di un valore inferiore a quello riscontrato nel 2006, quando la percentuale raggiungeva il 29,5%. È aumentata, invece, la quota dei consumatori occasionali, passata dal 38,8% del 2006 al 43,3% del 2016, e quella delle persone che bevono alcolici fuori dai pasti, passata dal 26,1% del 2006 al 29,2% del 2016. 

 

Il rapporto evidenzia che il 51,7% della popolazione italiana di 11 anni e più beve vino, il 47,8% la birra e il 43,2% gli aperitivi alcolici, gli amari, i superalcolici o i liquori. L’Istat sottolinea che prevalgono i consumatori moderati, che costituiscono il 48,8% del totale della popolazione e il 75,4% dei consumatori annuali. Rileva, inoltre, la riduzione del consumo giornaliero e occasionale di alcolici tra gli adolescenti, passato dal 29% del 2006 al 20,4% del 2016. Tuttavia, il consumo eccessivo di alcol riguarda ancora un’ampia fetta della popolazione: eccedono soprattutto gli ultrasessantacinquenni (36,2% uomini e 8,3% donne), i giovani di 18-24 anni (22,8% e 12,2%) e gli adolescenti di 11-17 anni (22,9% e 17,9%). 

 

Il fenomeno del “binge drinking” – ossia il consumo di 6 o più bicchieri di alcol in un'unica occasione, finalizzato a un rapido raggiungimento dell'ubriachezza – interessa in particolar modo i giovani di età compresa tra 18-24 anni, che bevono troppo soprattutto durante i momenti di socializzazione, come ammette il 17% dei ragazzi (il 21,8% dei maschi e l’11,7% delle femmine). Lo dimostra il fatto che il consumo abituale eccessivo di alcolici e il binge drinking sono più diffusi tra i ragazzi che frequentano spesso discoteche, spettacoli sportivi e concerti (32,2%), mentre risulta più raro tra i loro coetanei che non frequentano questi luoghi (6,5%).

 

Foto: © kmiragaya - Fotolia.com

di n.c.
Pubblicato il 13/04/2017

potrebbe interessarti anche: