Logo salute24

Tumore alla prostata, ecco il test del sangue che migliora la diagnosi

Quanto ci si può fidare del test del Psa (l'antigene prostatico specifico) per la diagnosi del tumore alla prostata? Questo semplice esame viene considerato da più parti poco efficace e a rischio di un eccesso di diagnosi e di trattamenti di condizioni in realtà non pericolose. I suoi limiti potrebbero però essere presto superati da una nuova analisi, battezzata IsoPsa, che secondo uno studio pubblicato sulla rivista European Urology da un gruppo di ricercatori guidato dall'esperto della Cleveland Clinic (Stati Uniti) Eric Klein riesce a diagnosticare il tumore alla prostata in modo più preciso rispetto agli attuali test del Psa.

 

Il nuovo test si basa sull'identificazione di variazioni nella proteina Psa. Per verificare le sue potenzialità Klein e colleghi hanno confrontato la sua efficacia con quella del tradizionale test del Psa in pazienti già in lista per una biopsia alla prostata. E' stato così scoperto che riesce a distinguere meglio i tumori maligni da quelli benigni, aiutando così i medici nella diagnosi; inoltre permette di identificare i pazienti affetti da forme ad alto rischio, e potrebbe quindi essere utile agli urologi per capire quando sono necessari trattamenti aggressivi.

 

“Date la sua semplicità intrinseca, la sola richiesta di un prelievo di sangue e la possibilità di fornire informazioni al medico in un contesto familiare utilizzando un singolo numero, proprio come il PSA, siamo piuttosto ottimisti sulla futura utilità di IsoPSA dopo ulteriori studi di validazione”, spiega Mark Stovsky, esperto del Glickman Urological & Kidney Institute della Cleveland Clinic e coautore dello studio. Ma non solo. Come sottolineato da Klein, “la metodologia utilizzata nel test IsoPSA rappresenta un importante punto di partenza dai metodi convenzionali per definire biomarcatori nel sangue, e potrebbe essere applicata al miglioramento di altri biomarcatori tumorali”.

 

 

Foto: © カシス - Fotolia.com

di Silvia Soligon
Pubblicato il 18/05/2017