Logo salute24

Dolore al braccio sinistro, cosa fare?

Con il passare degli anni, gli acciacchi e i piccoli disturbi aumentano. Si tratta di un fenomeno normale che generalmente non desta molta preoccupazione, tranne nel caso in cui a fare male sia il braccio sinistro: in questo caso un dolore improvviso o insolito potrebbe essere sintomo di una condizione più grave, come un infortunio o, nel peggiore dei casi, un infarto miocardico. La consapevolezza delle potenziali cause e delle caratteristiche del dolore al braccio sinistro potrebbe aiutare a capire cosa sta succedendo al proprio organismo e quando è necessario ricorrere all'assistenza medica.

 

Attacco cardiaco - Il dolore al braccio sinistro è uno dei sintomi più comuni dell’attacco di cuore (o infarto miocardico), che si verifica quando una sezione del muscolo cardiaco subisce un danno a causa della mancanza di ossigeno. La maggior parte degli attacchi cardiaci è dovuta all’occlusione delle arterie coronariche provocata da un accumulo di colesterolo e di placche aterosclerotiche. 

Spesso mentre è in corso un infarto si manifesta un dolore al braccio sinistro, anche se i muscoli dell’arto non vengono danneggiati. Questo avviene perché i nervi provenienti dal cuore e quelli provenienti dal braccio trasmettono segnali alle stesse cellule del cervello, che pertanto non riescono a individuare la vera fonte del dolore. Questo fenomeno, chiamato “dolore riferito”, spiega perché una persona colpita da infarto potrebbe sperimentare sofferenza al braccio senza sentire dolore al torace. 

Si consiglia di chiamare immediatamente il 118 se il dolore del braccio sinistro è improvviso, tende a peggiorare nel corso di pochi minuti o risulta combinato con uno dei seguenti sintomi:

- dolore alla cassa toracica che dura qualche minuto o che va e viene;

- dolore, intorpidimento o fastidio insolito a schiena, collo, mascella o addome inferiore;

- fiato corto, con o senza dolore toracico;

- disturbi digestivi, nausea o vomito;

- vertigini e sudorazione.

 

Angina pectoris - Si tratta di un dolore toracico che si manifesta, in determinate condizioni, quando il cuore riceve una quantità insufficiente di ossigeno, a causa dell’occlusione parziale delle coronarie, che impedisce al flusso sanguigno di raggiungere liberamente il muscolo cardiaco. Uno dei sintomi di questo disturbo è proprio rappresentato dal dolore del braccio sinistro, che potrebbe essere accompagnato da sofferenza a spalle, collo, schiena e mascella. 

 

Lesioni muscolo-scheletriche - Il dolore al braccio sinistro probabilmente non è associato a un disturbo cardiaco se il dolore presenta le seguenti caratteristiche:

- è lancinante e dura solo pochi secondi alla volta;

- è associato al movimento o si manifesta solo se il braccio viene tastato;

- si presenta solo in un’area circoscritta del braccio;

- dura per ore o per giorni senza che si manifestino altri sintomi.

In questo caso, la sofferenza potrebbe essere sintomo di una lesione dell'osso o del tessuto del braccio, della spalla o del gomito. In particolare, il dolore potrebbe essere provocato da una borsite (l’infiammazione della borsa sierosa di un’articolazione), da una tendinite (l’infiammazione del tendine, il tessuto fibroso che connette un muscolo a un osso), dalla rottura della cuffia dei rotatori (il complesso muscolo-tendineo della spalla), da una frattura dell’osso del braccio o da un’ernia del disco.

 

Foto: © Dmytro Tolokonov - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 30/01/2018

potrebbe interessarti anche: