Logo salute24

Menopausa e palpitazioni, come comportarsi

Durante la menopausa, è frequente sperimentare vampate di calore, sudorazioni notturne, calo della libido, insonnia, ansia, disturbi d’umore e problemi mnemonici. Ma c’è un sintomo piuttosto diffuso tra le donne che attraversano questa fase della vita, di cui tuttavia si parla poco: le palpitazioni cardiache. Questi fenomeni, chiamati anche aritmie, spesso sono temporanei e si verificano durante la gravidanza e la menopausa a causa dei cambiamenti ormonali. Generalmente risultano innocui, ma è sempre consigliabile effettuare una visita medica, per escludere che l’alterazione del battito cardiaco sia dovuta ad altri fattori. Ecco una serie di informazioni utili per capire cosa accade all’organismo durante la menopausa.

 

Cosa sono - Le palpitazioni si verificano quando il cuore batte troppo velocemente o a un ritmo irregolare. Generalmente hanno una durata breve: di solito si protraggono per pochi secondi, anche se in alcuni casi anche per qualche minuto. La maggior parte delle volte risultano innocue, ma gli esperti consigliano comunque a chi ne soffre di sottoporsi a una visita medica.

 

Caratteristiche - Le aritmie che si manifestano durante la menopausa possono aumentare la frequenza del battito cardiaco da 8 a 16 battiti al minuto. Alcune donne, tuttavia, riportano aumenti significativamente maggiori, arrivando a toccare i 200 battiti al minuto.

 

Cause - Le palpitazioni cardiache sono dovute all’abbassamento dei livelli degli ormoni femminili estrogeni, che a sua volta determina una sovra-stimolazione del cuore. La riduzione della produzione ormonale può essere collegata all’aumento del battito cardiaco, della frequenza delle palpitazioni e delle aritmie non pericolose.

 

Trattamenti – Le aritmie che si verificano durante la menopausa generalmente sono innocue, ma non dovrebbero comunque essere ignorate. Alle donne che sperimentano questo sintomo gli esperti consigliano fortemente di consultare un medico per ricevere una diagnosi e per escludere eventuali anomalie. Spesso le donne in menopausa che presentano un battito cardiaco irregolare vengono trattate con metodi naturali. Quando i problemi sono causati da livelli ridotti di estrogeni, il trattamento può combinare una modifica delle abitudini e il ricorso a rimedi naturali. Il cambiamento di stile di vita può, infatti, ridurre la frequenza delle palpitazioni durante questa fase della vita. I medici consigliano, in particolare, di ridurre l'assunzione di caffeina, di evitare il fumo, di limitare l’assunzione di alcolici e di praticare tecniche di rilassamento come lo yoga e gli esercizi di respirazione.

 

Foto: © Syda Productions - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 08/06/2017