Logo salute24

"Mangiare" le proprie ansie: il legame tra stress, junk food e sonno

Individuato un legame tra stress sul lavoro, junk food e sonno: le tensioni sperimentate in ufficio spingono a mangiare cibi poco sani, ma un buon riposo aiuta a non cedere alle tentazioni. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Applied Psychology da un gruppo di ricerca cinese-statunitense diretto da Yihao Liu dellUniversità dell’Illinois di Urbana-Champaign (Usa), secondo cui le esperienze psicologiche vissute sul posto di lavoro sarebbero in grado d’influenzare i comportamenti alimentari.

 

"Abbiamo scoperto che le persone che svolgono un impiego stressante tendono a sfogare le emozioni negative sperimentate sul posto di lavoro a tavola, mangiando più del solito e scegliendo per lo più cibo spazzatura invece che alimenti sani – spiega Chu-Hsiang "Daisy" Chang, della Michigan State University di East Lansing (Usa), che ha preso parte allo studio -. Tuttavia, un'altra scoperta fondamentale ha evidenziato che il sonno aiuta le persone a controllare la tendenza a mangiare male a causa dello stress da lavoro. Quando i lavoratori hanno dormito bene la sera prima, sono più propensi a mangiare meglio quando sperimentano lo stress il giorno successivo”.

 

Nel corso della ricerca, gli autori hanno intervistato complessivamente 235 lavoratori cinesi: 125 dipendenti di un’azienda informatica e 110 operatori di call center. I primi hanno affermato che i carichi di lavoro erano quasi sempre elevati e che durante i giorni lavorativi provavano la sensazione di non avere mai abbastanza tempo a disposizione. I secondi, invece, hanno riferito di dover avere a che fare spesso con clienti scortesi e puntigliosi. I ricercatori hanno scoperto che per entrambe le categorie, lo stress accumulato durante l’orario lavorativo causava cattivo umore e spingeva a consumare cibi non salutari.

 

Secondo gli studiosi, questo fenomeno aveva due potenziali spiegazioni: "In primo luogo, mangiare a volte rappresenta un'attività diretta ad alleviare e migliorare uno stato d’animo negativo, perché gli individui istintivamente tendono a evitare le emozioni avverse e cercano di provare sensazioni desiderabili – spiega Yihao Liu -. In secondo luogo, l'alimentazione non salutare può anche essere una conseguenza di un minor autocontrollo. Quando si sentono stressati dal lavoro, gli individui di solito hanno difficoltà a esercitare un controllo efficace sulle loro cognizioni e sui loro comportamenti, in modo da renderli conformi ai propri obiettivi personali e alle norme sociali”.

 

Gli scienziati hanno osservato, però, che un buon riposo sarebbe in grado di aiutare i lavoratori a resistere alla tentazione di mangiare cibi poco sani. Inoltre, sarebbe correlato a comportamenti salutari. “Dormire bene la notte può rinvigorire i lavoratori e aiutarli a sentirsi energici – conclude la dottoressa Chang -, e questo potrebbe renderli più capaci di affrontare lo stress sul lavoro il giorno successivo e meno vulnerabili di fronte ai cibi non salutari".

 

Foto: © WavebreakmediaMicro - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 26/06/2017