Logo salute24

Chi diventa padre tardi ha bambini più intelligenti

I padri di una certa età hanno maggiori probabilità di mettere al mondo bambini molto intelligenti ed esperti di tecnologia. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Translational Psychiatry dai ricercatori del King’s College di Londra (Regno Unito) e dell’Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York (Usa), secondo cui i figli di padri più anziani tendono a essere più ingegnosi, più focalizzati sui loro interessi e meno preoccupati delle relazioni sociali. Tutte queste caratteristiche, precisano gli esperti, sono tipiche dei cosiddetti “geek” - termine comunemente usato per descrivere ragazzi dotati di un’intelligenza superiore alla media e fanatici di tecnologia.

 

Nel corso della ricerca gli autori hanno analizzato il comportamento e le capacità cognitive di 7.781 gemelli britannici dell’età di 12 anni, che avevano preso parte al Twins Early Development Study (Teds). In particolare, hanno chiesto ai giovani partecipanti di eseguire un test diretto a valutare quanto fossero “geek” (che prendeva in esame il loro quoziente intellettivo non verbale, la passione verso i loro interessi e il grado d’indifferenza sociale), mentre ai loro genitori hanno domandato di giudicare se i figli si preoccupassero del modo in cui venivano percepiti dai loro coetanei e se dedicassero molto tempo a un particolare hobby.

 

Gli studiosi hanno usato tutte queste informazioni per calcolare un “indice geek”. L’analisi ha dimostrato che i figli dei padri più anziani hanno ottenuto i punteggi più elevati: il valore era di 39,6 per i figli degli uomini di età pari o inferiore a 25 anni, di 41 per chi aveva un papà di età compresa tra 35 e 44 anni e di 47 per i figli dei soggetti che avevano un’età pari o superiore a 50 anni. L'effetto risultava più evidente nei maschi, che mostravano un aumento di 1,5 punti dell'“indice geek” ogni 5 anni extra di età paterna. L'età della madre, invece, non sembrava influenzare la tendenza a essere “geek”.

 

I ricercatori ritengono che il 57% dell'“indice geek” sia legato a fattori ereditari, mentre il restante 43% sarebbe dovuto a fattori ambientali. Generalmente gli uomini che hanno un’età più elevata hanno maggiori probabilità di avere una carriera più consolidata e uno status socioeconomico più alto dei padri più giovani. Di conseguenza, possono offrire ai figli un’istruzione migliore e farli crescere in un ambiente più stimolante. 

 

Gli autori hanno anche scoperto che a distanza di qualche anno dall’esperimento, i figli dei padri più maturi mostravano anche un miglior rendimento scolastico, soprattutto nelle materie scientifiche e tecnologiche. Ciò significa, osservano gli autori, che avere un papà più grande potrebbe avere alcuni vantaggi, anche se studi precedenti hanno dimostrato che aumenta il rischio di autismo e di schizofrenia.

 

“Il nostro studio suggerisce che avere un padre più anziano potrebbe determinare alcuni benefici - osserva Magdalena Janecka, che ha diretto l’indagine -. Finora abbiamo preso in considerazione le conseguenze negative associate a un’età paterna avanzata, ma ora abbiamo rilevato che i figli degli uomini più grandi possono anche avere un’istruzione superiore e prospettive di carriera migliori”.

 

Foto: © Belodarova - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 26/09/2017