Logo salute24

Guida sicura, i consigli per la vista

Prima di mettersi alla guida per un viaggio, oltre a controllare l'auto è importante controllare anche la propria vista. Sebbene una quota rilevante di incidenti stradali siano dovuti a cause legate alla visibilità solo per poco più di un italiano su 5 il “vederci bene” è un tema prioritario in fatto di guida al volante.  

 

Verificare di aver messo le cinture di sicurezza e se l'auto ha tutto ciò che serve per un viaggio senza rischi sono gli elementi più importanti a cui gli automobilisti prestano attenzione prima di accendere i motori. Solo per il 23% di loro è utile allo stesso modo verificare di essere nelle condizioni migliori per vederci bene, ovvero avere a portata di mano i presidi necessari per poter vedere al meglio oltre il parabrezza. 

 

Per richiamare l'attenzione su questi aspetti GrandVision Italy ha messo a punto un decalogo sulla guida sicura. La società attiva nel settore dell'ottica ha condotto con il dottor Andrea Giani dell'Università degli Studi di Milano una ricerca sul rapporto degli italiani al voltante con la propria vista. 

 

“Vista e Guida Sicura 2017” è stata condotta su un campione di oltre 1.500 partecipanti. È emerso che il 77% di questi automobilisti non considera ‘vederci bene’ una priorità quando entra in auto e il 26% non effettua un controllo visivo dal proprio oculista da più di due anni. I disturbi visivi più insidiosi per i conducenti sono l’abbagliamento dei fari degli altri veicoli (53%), la visuale limitata (51%) e il sole forte (35%). Più pericolosi sono risultate la guida notturna e il transitare nelle gallerie in orari diurni, pertanto la principale difficoltà è stata individuata nell’adattamento luce-buio.  

 

Ciononostante è emerso anche che solo il 30% di chi ha problemi visivi utilizza occhiali da sole con lenti colorate graduate nonostante si siano dichiarati disturbi per la forte luminosità, particolarmente rilevante d'estate.

 

Ecco i consigli dell'azienda e del dottor Giani:  

 

- effettuare visite oculistiche regolari (anche per chi non utilizza occhiali);  

 

- pulire e avere cura degli occhiali da sole e da vista, controllandone l'assetto: devono sempre calzare bene; 

 

- evitare di lasciare gli occhiali sul cruscotto, soprattutto di giorno ed esposte direttamente al sole; 

 

- per una migliore visione laterale sono indicati gli occhiali con montatura della forma ampia;

 

Per attenuare l’abbagliamento: 

 

- è necessario indossare un paio di occhiali da sole di qualità. Per ridurre i riflessi luminosi della strada e del cofano dell’auto è consigliabile scegliere delle degli occhiali da sole con lenti polarizzate, l’ideale per godere di una migliore nitidezza visiva e non esporsi al rischio di affaticamento;

 

Per vederci bene anche al sole: 

 

- in estate è opportuno scegliere occhiali da sole con lenti graduate colorate, Meglio se grigie o marroni. Consigliate per la guida anche le lenti colorate sfumate, più scure in alto e più chiare in basso, oltre a proteggere gli occhi dal sole consentono di vedere bene il cruscotto e la strada;   

 

Per agevolare l’adattamento luce-buio: 

 

-  scegliere lenti fotocromatiche che si adattano alla quantità di luce presente: trasparenti in ambienti interni e scure in presenza di luce più forte;  

 

Per chi utilizza lenti a contatto 

 

- Le lenti a contatto sono una soluzione pratica e comoda e consentono di avere una visione ottimale anche periferica, ricordando che sono un dispositivo medico ed è necessario verificare l’assenza di controindicazioni da parte del medico oculista. Alla guida è importante avere sempre in auto un occhiale di scorta e utilizzare lacrime artificiali per ridurre la secchezza oculare.

 

Foto: © Africa Studio - Fotolia

 

 

 

di Vito Miraglia
Pubblicato il 13/07/2017

potrebbe interessarti anche: