Logo salute24

Prostata, uomini obesi o più alti a maggior rischio di tumore aggressivo

Per valutare il rischio di sviluppare un tumore alla prostata bisognerebbe guardare al peso e all'altezza. Uomini di alta statura e in sovrappeso avrebbero un maggior rischio di sviluppare un tumore alla prostata di alto grado e di mortalità da questa malattia oncologica. A rivelarlo una ricerca della University of Oxford (Regno Unito) pubblicata su BMC Medicine.

 

I dati analizzati sono stati tratti dallo studio Epic (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition) condotto su poco meno di 142 mila uomini provenienti da otto Paesi tra cui l'Italia, con 52 anni di media. Per quanto riguarda l'altezza, per ogni 10 centimetri in più il rischio malattia avanzata e di mortalità da tumore prostatico aumentava rispettivamente del 21% e 17%. 

 

Per valutare il peso corporeo i ricercatori hanno utilizzato il girovita e non l'Indice di massa corporea: il primo viene considerato un parametro più accurato per misurare l'obesità negli anziani rispetto al secondo. Ebbene, anche in questo caso, a ogni dieci centimetri in più di girovita, il rischio di mortalità saliva del 18% e quello di tumore di alto grado del 13%. 

 

Come ricordano gli autori la conclusione dello studio illustra la complessa associazione tra adiposità e tumore prostatico che varia in base all'aggressività della malattia: “Probabilmente è una questione di variazioni ormonali negli uomini obesi che possono aumentare il rischio di tumore. Comunque le differenze riguardo il tumore prostatico possono essere dovute anche alle differenze nella rilevazione del tumore negli uomini obesi”, spiega l'autrice principale dello studio, Aurora Perez-Cornago. 

 

“L'evidenza di un maggior rischio negli uomini più alti può dare nuove informazioni sullo sviluppo del tumore prostatico, associato per esempio alla nutrizione e alla crescita”, aggiunge la ricercatrice.

 

Foto: © vpardi - Fotolia.com

di Vito Miraglia
Pubblicato il 18/07/2017