Logo salute24
21-07-2017

Fegato: Molinette di Torino, eseguiti tremila trapianti


Su un uomo di 55 anni è stato eseguito il trapianto di fegato numero 3000. Il record è stato raggiunto al Centro trapianti di fegato universitario dell'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino. A dirigere il centro di eccellenza il professor Mauro Salizzoni, docente di Chirurgia alla Scuola di Medicina dell’Università di Torino. 


 


I tremila trapianti sono stati eseguiti in poco più di 25 anni. Il primo risale al 10 ottobre del 1990 su un paziente di 44 anni con epatite virale. Un'altra data storica è il 10 gennaio del 1993 quando a beneficiare di un nuovo fegato fu un bambino. Sei anni dopo, l'intervento è diventato di routine nei pazienti molto piccoli con patologie congenite. Da allora sono stati trapiantati 166 pazienti in età pediatrica (6% dell’attività totale), con fegato intero o split.   Questi successi hanno permesso al Centro Trapianto di Torino di essere inserito nella lista dei primi cinque centri al mondo secondo il registro mondiale dei trapianti dell’Università di Heidelberg, assieme a quelli d Cambridge, Dallas, Birmingham e del London Kings College.  


 


Oltre all'attività clinica il centro è impegnato anche nella ricerca con decine di studi pubblicati dal professor Salizzoni e dal suo team su diversi aspetti relativi al trapianto di fegato: dalle nuove tecniche ai fattori che possono influenzare l'esito dell'intervento alle nuove terapie cellulari. 


 


Grazie alla ricerca si sono migliorati i risultati in corsia: dal 1990 – dicono i dati – 73 pazienti su 10 sono sopravvissuti a distanza di 10 anni dal trapianto. Inoltre, confrontando i circa mille trapianti del periodo 2010-2016 con quelli eseguiti in precedenza, si riscontra un miglioramento delle probabilità di successo di un ulteriore 10%. Nei pazienti in età pediatrica in quasi nove casi su 10 il trapianto continua a funzionare dopo 5 anni. A luglio 2017 sono in lista di attesa per il trapianto di fegato circa ottanta pazienti.