Logo salute24

È il tempo (libero), non le cose, a rendere felici

Non sono i soldi o le cose che si possono comprare a “fare la felicità”, ma la possibilità di usufruire del proprio tempo senza condizionamenti. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Pnas dai ricercatori della University of British Columbia di Vancouver (Canada) e dell’Harvard University di Cambridge (Stati Uniti), secondo cui la disponibilità di denaro potrebbe essere legata a una maggiore soddisfazione per la propria vita, perché consente di “acquistare tempo libero”: per esempio, rende possibile retribuire qualcuno affinché svolga i lavori domestici, oppure permette di mangiare spesso fuori casa, lasciando liberi da incombenze come cucinare, sparecchiare e lavare i piatti.

 

“Le persone che assumono una donna delle pulizie o pagano il ragazzo della porta accanto affinché tagli il prato potrebbero pensare di essere pigre - spiega Ashley V. Whillans, che ha diretto la ricerca -. Ma i nostri risultati suggeriscono che acquistare tempo libero offre vantaggi simili, in termini di felicità, ad avere più soldi”.

 

Nel corso della ricerca, gli esperti hanno intervistato 6.271 adulti residenti negli Stati Uniti, in Danimarca, in Canada e nei Paesi Bassi. Ai partecipanti è stato chiesto, in particolare, se e quanti soldi spendessero ogni mese per "acquistare del tempo libero". Inoltre, il test era diretto a misurare il grado di soddisfazione per la propria vita e lo stress dei volontari.

 

Al termine dell’indagine, è emerso che i soggetti che spendevano più denaro per ottenere quantità maggiori di tempo libero erano più soddisfatti della loro esistenza, indipendentemente dal loro reddito. “I benefici che derivano dall'‘acquistare il proprio tempo’ non sono prerogativa delle persone ricche - precisa Elizabeth Dunn, autore senior dello studio -. Avevamo ipotizzato che questo fenomeno potesse riguardare soltanto le persone che hanno un po’ di reddito disponibile, ma con sorpresa abbiamo rilevato gli stessi effetti in tutte le fasce di reddito”.

 

Per verificare la validità di questi risultati, gli scienziati hanno anche condotto un esperimento sul campo: hanno chiesto a 60 adulti di spendere 40 dollari per poter ottenere più tempo libero durante un week end, e di utilizzarne altri 40 per acquistare del materiale nel corso di un altro fine settimana. Al termine della sperimentazione, è emerso che i partecipanti si erano sentiti più felici quando avevano utilizzato i soldi per avere più tempo, piuttosto che quando li avevano usati per acquistare degli oggetti. 

 

Nonostante i vantaggi che derivano dall’avere più tempo a disposizione, gli studiosi hanno osservato che poche persone scelgono di spendere i propri soldi per acquisirlo. “Anche se acquistare tempo può servire da ‘cuscinetto’ per ridurre le pressioni della vita quotidiana, poche persone lo fanno anche se possono permetterselo - spiega la dottoressa Dunn. -. Molte ricerche hanno dimostrato che le persone traggono vantaggio dall'acquisto di esperienze piacevoli, ma la nostra ricerca suggerisce che gli individui dovrebbero prendere in considerazione anche l’idea di acquistare metodi capaci di sfuggire alle esperienze sgradevoli”.

 

Foto: © Rawpixel - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 26/07/2017