Logo salute24

Giornata mondiale contro l'Epatite, in Europa più di 8,5 milioni colpiti da virus B e C

L'epatite B e l'epatite C croniche interessano oltre 8,5 milioni di cittadini europei. La diffusione di queste due forme di epatite potrebbe però essere sottostimata dal momento che, in molti casi, queste patologie a carico del fegato non sono segnalate da sintomi. Sono i dati diffusi dall'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, in occasione della Giornata mondiale contro l'Epatite in calendario il 28 luglio. 

 

L'obiettivo che le autorità sanitarie internazionali si sono date è quello di ridurre radicalmente l'impatto dell'epatite virale entro il 2030. Far sì che questa patologia non rappresenti più un problema per la salute pubblica rientra fra gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile definiti dalle Nazioni Unite nel 2016, come ricorda il Commissario europeo per la Salute e la politica dei consumatori Vytenis Andriukaitis. 

 

Per raggiungere questo obiettivo – sottolinea l'Ecdc – è necessario aumentare la copertura del test per la diagnosi dell'epatite, perfezionare gli interventi di prevenzione e agevolare l'accesso ai trattamenti disponibili. È fondamentale interrompere la catena di trasmissione del virus identificando i soggetti contagiati ma ancora non consapevoli di esserlo. 

 

Nei Paesi dell'Unione europea e dell'Area economica europea sono circa 4,7 milioni di europei con epatite B cronica e quasi 4 milioni con epatite C cronica; la loro prevalenza – probabilmente sottostimata – è rispettivamente di circa lo 0,9% e l'1,1%. 

 

Nel 2015 i Paesi hanno riferito poco meno di 60 mila nuove diagnosi di queste due forme di epatite; più della metà erano casi di epatite C, con un aumento del 4% rispetto all'anno precedente. Tra il 2006 e il 2015, invece, l'aumento è stato del 26%, certamente indicativo di un incremento dei test diagnostici. In diminuzione, invece, il tasso di notificazione di epatiti B acute in particolare tra i giovani, probabilmente per l'impatto positivo dei programmi di vaccinazione.

 

Foto: © CLIPAREA.com - Fotolia.com

 

di redazione
Pubblicato il 27/07/2017