Logo salute24

Dimmi che ossa hai e ti dirò chi sei

Dall`analisi dei minerali contenuti nelle ossa si può stabilire il sesso degli individui e l`età. Che le ossa potessero rivelare l`età delle persone era già noto ai ricercatori; adesso, però, un gruppo di studiosi dell`università spagnola di Alcalà de Henares (Uah) mette in evidenza la capacità delle ossa di rivelare anche il genere dei soggetti analizzati.
La ricerca, pubblicata sullo Skeletal Radiology Journal, è stata condotta in Spagna su 1120 soggetti dai 0 agli 80 anni di età. "Si tratta di un lavoro molto importante per determinare i cambiamenti nel metabolismo osseo della popolazione spagnola in base al sesso e all`età dei soggetti", spiega Soledad Aguado, principale autore del lavoro e ricercatore della Uah. 
Il campione è stato suddiviso in 16 gruppi con intervalli di età di 5 anni. Ogni gruppo è stato poi sottoposto a una densitometria ossea attraverso la Dual x-ray phototonic absorptiometry (Dxa): l`obiettivo era quello di quantificare il contenuto minerale osseo in tutto lo scheletro e in diverse e distinte aree del corpo. I risultati rilevati dagli studiosi hanno mostrato grandi differenze, tra i due sessi, nei valori medi tra il contenuto minerale osseo della testa e quello del tronco del corpo (soprattutto tra i 16 e i 25 anni) e tra le gambe e le braccia (tra i 16 e i 70 anni). In tutti i casi, nelle ossa delle donne è stato rilevato meno contenuto minerale.
I ricercatori spiegano da Madrid che questi valori rappresentano una sorta di banca dati - la prima di questo tipo realizzata in Spagna - sulla struttura ossea della popolazione spagnola. I risultati dello studio "offrono utili informazioni di riferimento per confrontare queste caratteristiche ossee con quelle delle popolazioni di altri Paesi, oppure con soggetti sportivi, o ancora con individui affetti da osteoporosi", spiega Aguado.
Studi precedenti avevano confermato che il contenuto minerale osseo, in media, aumenta dalla nascita fino ai 25 anni di età, per poi ridursi dai 26 ai 40, quando inizia a stabilizzarsi per poi cominciare, a partire dai 56 anni, a diminuire sempre più velocemente. Dal nuovo studio sono emerse anche delle differenze di genere: i ricercatori hanno infatti rilevato che nelle donne il massimo di massa ossea viene registrato intorno ai 20 anni, ben 5 anni prima degli uomini, che raggiungono la densità massima a 25 anni.

di
Pubblicato il 03/12/2008

potrebbe interessarti anche: