Logo salute24

Bambini, ecco come insegnare l'amore per la lettura

L'estate può essere un buon momento per far avvicinare i bambini alla lettura, sia nel caso abbiano già imparato a leggere sia quando hanno davanti a loro ancora uno o due anni prima di poterlo fare. Spesso chi impara ad amare i libri durante l'infanzia difficilmente abbandonerà questa splendida abitudine. I benefici sono tanti: aumentano le proprie conoscenze, migliorano le abilità linguistiche e si coltiva l'immaginazione.  

 

In età scolare, lontani dallo studio anche se i compiti per le vacanze incombono, il tempo libero è comunque tanto e può essere sfruttato al meglio per lo sviluppo del bambino. La lettura però deve sgomitare con altri passatempi per farsi apprezzare dai bambini. Oggi la concorrenza è davvero elevata: dai videogame ai tablet alla classica Tv per i nativi digitali le alternative sono tante e la tecnologia attira come non mai. Allora come poter stimolare l'interesse dei più piccoli nei confronti della pagina scritta? Naturalmente un ruolo decisivo sarà quello giocato dai più grandi, dai fratelli, da mamma e papà o da chi si prende cura dei bambini.

 

I consigli

 

- Quando ancora non avrà imparato a leggere, leggete qualcosa al bambino tutti i giorni, anche solo per pochi minuti e anche a costo di dover leggere sempre la stessa cosa per un certo periodo;  

 

- Non trascurate il divertimento. E niente forzature se il bambino non è più interessato ad andare avanti fino al termine della storia; 

 

- Mostratevi entusiasti: se non saprà ancora leggere potrà chiedervi di farlo “al posto suo”; 

 

- Il bambino dev'essere parte attiva nella lettura. Se sa già leggere deve poterlo fare in autonomia ma con un adulto al suo fianco pronto a intervenire quando una parola risulterà più difficile o un passaggio un po' meno comprensibile; 

 

- Leggete insieme, magari alternandovi, facendo leggere al bambino ad alta voce; 

 

- Se non sa leggere, a 4 o 5 anni è comunque in grado di fare domande, di commentare, di chiedere qualcosa in più oltre alla pagina scritta. Chiedete voi qualcosa al bambino su testo e immagini; 

 

- Fermatevi per descrivere le figure; 

 

- Fate in modo che sia il bambino a scegliere il libro da leggere; 

 

- Se si affeziona al libro sarà possibile ritornare sulla storia raccontata anche a libro chiuso. Chiedete ad esempio al bambino di ripetere la storia a parole sue, confrontatevi su quanto avrà letto da solo; 

 

- Variate i tipi di libri da leggere o da proporre al piccolo per una lettura in solitaria: dalle favole alle poesie, dalle filastrocche dai libri sugli animali ai fumetti; 

 

- Portate i bambini in libreria o in biblioteca. In moltissimi spazi è possibile trovare delle sezioni adatte all'infanzia in cui ci si può sedere e cominciare ad assaporare il libro che si pensa di poter acquistare o prendere in prestito 

 

- La lettura può entrare a far parte della routine prima di addormentarsi. Al posto della Tv si può dedicare alla lettura una finestra di 20-30 minuti prima che si addormenti.

 

Foto: © Kzenon - Fotolia.com

di redazione
Pubblicato il 05/09/2017