Logo salute24

Dermatite da sudore, come proteggere la pelle dei bambini?

Nei primi mesi di vita dei bambini la loro pelle, delicata e per questo molto sensibile, può essere interessata da alcuni disturbi tra cui la dermatite da sudore, detta anche sudamina o miliaria. Questa condizione si manifesta principalmente nei mesi estivi quando i piccoli si trovano in ambienti umidi e caldi o comunque in giornate afose. A caratterizzarla è la formazione di piccole vescichette.

 

Il disturbo

 

La dermatite da sudore colpisce, secondo le stime riferite dall'American Academy of Family Physicians, fino al 40% dei bambini e tendenzialmente nel primo mese di vita. A causare questo disturbo è l'ostruzione delle ghiandole sudoripare della pelle dei bambini che determina la ritenzione del sudore. Il processo di traspirazione non si compie, dunque, in maniera adeguata. Le due forme più comuni sono la miliaria cristallina e la miliaria rubra, caratterizzate dalla comparsa di sintomi diversi.  

 

Nella prima c'è la comparsa di vescicole di 1-2 millimetri non circondate da eritema, principalmente su collo, testa e tronco. Le vescicole possono rompersi e la pelle desquamare nel giro di pochi giorni.  

 

La miliaria rubra, invece, è causata da un'ostruzione più profonda delle ghiandole sudoripare. Si caratterizza per la comparsa di piccole papule eritematose e anche di vescicole che di solito compaiono dove la pelle è coperta. Entrambe sono condizioni benigne e non contagiose.

 

Prevenzione e trattamento

 

Per evitare la comparsa di queste manifestazioni cutanee è bene tenere i piccoli al riparo dagli ambienti caldi e umidi. È importante dunque far indossare loro pochi vestiti e di tessuti in fibra naturale, di eliminare dunque l'eccesso di calore e di vestiario per mantenere la pelle fresca e asciutta. Il cotone è l'ideale perché è assorbente e allontana l'umidità dalla pelle. Di tanto in tanto bagnare il bambino può aiutare a tenere sotto controllo la temperatura corporea. 

 

È utile anche regolare il microclima interno con l'aria condizionata o con dei ventilatori. Naturalmente il ricorso a questi strumenti dev'essere fatto con criterio, ad esempio il getto d'aria non dev'essere diretto sul bambino. 

 

Anche l'igiene è importante per la cura della pelle del bambino e la prevenzione della sudamina. Laddove la pelle forma delle pieghe questa dev'essere mantenuta pulita e asciutta e anche nella zona pannolino bisogna evitare l'umidità pulendo e asciugando per bene il bambino a ogni cambio. Meglio, invece, evitare l'uso di oli, lozioni e polveri che non sono risolutive né riescono a prevenire l'insorgenza della dermatite anzi possono peggiorare la situazione ostruendo i pori.

 

Foto: © Subbotina Anna - Fotolia.com

di Vito Miraglia
Pubblicato il 25/08/2017