Logo salute24

Gravidanza, individuati i geni dei parti pretermine

I geni della dolce attesa. Un gruppo di ricercatori tra Svezia e Stati Uniti hanno identificato alcune varianti genetiche associate alla durata della gravidanza e quindi alle probabilità di un parto pretermine, ovvero prima della trentasettesima settimana, “la causa principale di disabilità e morte tra i bambini nel mondo. Questo studio rappresenta un primo passo per poter sviluppare dei farmaci e poter prevenire questo evento o indurlo quando necessario”, spiega Bo Jacobsson, ricercatore della Sahlgrenska Academy di Goteborg. 

 

Sono quattro i geni individuati con un chiaro legame con la lunghezza gestazionale (EBF1, EEFSEC, AGTR2 e WNT4). Comuni variazioni dei primi tre geni hanno inoltre mostrato un'influenza determinante sulla probabilità di parto pretermine. Precedenti studi avevano notato come questi geni fossero coinvolti nella regolazione dello sviluppo fetale, della sua nutrizione e della circolazione sanguigna. Anche le varianti di altri due geni potrebbero essere associate con la durata della gestazione. 

 

Lo studio che illustra i risultati del lavoro dei ricercatori è stato pubblicato su New England Journal of Medicine. Le informazioni di cui si sono serviti gli scienziati si riferivano al profilo genetico e alla lunghezza gestazionale di 43 568 donne con altre 8643 donne da Danimarca, Finlandia e Norvegia come gruppo di riferimento per replicare i risultati. “Ora è necessario spostarsi in laboratorio e condurre altri studi per valutare, ad esempio, come i geni possono lavorare insieme ai fattori ambientali”, aggiunge Bo Jacobsson.

 

Foto: © Subbotina Anna - Fotolia.com

 

di redazione
Pubblicato il 13/09/2017