Logo salute24
29-09-2017

Resistenza antibiotici: una minaccia anche per i neonati


Il trattamento delle infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici è la più grande sfida davanti alle autorità sanitarie nazionali. La minaccia rappresentata dai microrganismi multiresistenti è tale anche per la salute dei neonati, dice la Società italiana di Neonatologia che è tornata ad affrontare la questione nel corso del suo ultimo congresso nazionale.  


Sono circa 700 mila i decessi dovuti ogni anno alle infezioni riconducibili ai microrganismi patogeni resistenti ai farmaci oggi disponibili. E le previsioni – riferisce la società di esperti – sono molto pessimistiche: dal 2050 il numero di morti salirà al dieci milioni l'anno, più di quelli causati dai tumori. Il dato del 2015 è contenuto nella Review on Antimicobial Resistance. 


Periodicamente l'Oms-Organizzazione mondiale della Sanità rilancia l'allarme sulla questione dell'antibiotico-resistenza. Di recente ha sottolineato la carenza di nuovi farmaci per il trattamento di queste infezioni auspicando maggiori investimenti della ricerca farmaceutica. L'invito dell'organizzazione è condiviso anche dalla Società italiana di Neonatologia secondo cui il tema dev'essere affrontato, oltre che sul piano dell'innovazione, anche su quello della prevenzione, da rafforzare in particolare mediante un uso più corretto degli antibiotici.