Logo salute24
02-10-2017

Nobel medicina, premio a tre scienziati per studi su ritmo circadiano


Un terzetto da Nobel grazie alle scoperte sui meccanismi molecolari che controllano il ritmo circadiano. Gli scienziati americani Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young si sono aggiudicati il premio Nobel per la medicina e la fisiologia 2017 per aver reso più chiari i processi che regolano l'orologio biologico con cui gli organismi viventi si adattano al regolare ritmo del giorno e della notte.  


In particolare i tre ricercatori hanno isolato un gene che controlla il normale ritmo biologico quotidiano studiando i moscerini della frutta. Il gene codifica una proteina che si accumula nelle cellule di notte e che viene degradata durante il giorno. Hanno poi identificato un'altra proteina, un ulteriore pezzo dell'ingranaggio di questo orologio interno delle cellule. Si è così scoperto che gli stessi principi regolano il funzionamento di questo orologio nelle cellule degli organismi multicellulari, compreso l'uomo.  


Grazie a queste “lancette” l'organismo si adatta alle diverse fasi del giorno con riferimento a diverse funzioni, dal comportamento, al metabolismo, dalla temperatura corporea alla produzione ormonale. E quando il ritmo circadiano è sincronizzato con l'alternanza giorno/notte l'organismo vive in condizioni fisiologiche di benessere. L'alterazione di questa sincronia è nota a tutti coloro che almeno una volta hanno viaggiato attraversando diversi fusi orari: i sintomi della sindrome da jet-lag non sono altro che spie di questa alterazione.