Logo salute24

Lavarsi le mani: microbi e batteri giù del 90%

Dopo aver lavato le mani, la presenza di batteri e altri microbi diminuisce di circa il 90%. Lo evidenzia un’indagine presentata dai ricercatori di Lifenet Health di Virginia Beach (Usa) durante “IDWeek 2017 ™”, la conferenza annuale dell’Infectious diseases society of America (Idsa), della Society for healthcare epidemiology of America (Shea), dell’Hiv medicine association (Hivma) e della Pediatric infectious diseases society (Pids), che si è tenuta dal 4 all’8 ottobre a San Diego (Usa). 

 

Per far capire ai bambini l'importanza di lavarsi le mani, gli studiosi hanno coinvolto 90 studenti di seconda elementare che frequentavano cinque classi diverse, e li hanno invitati a creare delle colture microbiche. Prima dell’inizio dell’esperimento, i ricercatori hanno mostrato ai ragazzini delle diapositive in cui venivano sottolineati i motivi per cui occorre tenere pulite le mani e il modo corretto di lavarle con acqua e sapone o di pulirle con un gel igienizzante. Inoltre, hanno spiegato ai piccoli che bisogna lavare le mani prima di mangiare, dopo essere stati in bagno, dopo aver soffiato il naso e dopo aver accarezzato gli animali. 

 

I ricercatori hanno poi invitati gli scolari a realizzare delle colture microbiche premendo le mani sporche su alcune capsule di Petri riempite di agar, una sostanza gelatinosa che favorisce la crescita dei batteri e di altri microbi. Successivamente, la metà dei partecipanti è stata invitata a lavare le mani con acqua e sapone, mentre l'altra metà a usare il gel igienizzante. Tutti i volontari hanno quindi ripetuto l’esperimento con le mani pulite. Le colture sono state lasciate riposare per cinque giorni. Dopo questo periodo, studenti e insegnanti le hanno esaminate con il microscopio, scoprendo che la quantità di microrganismi presente nelle colture create con le mani sporche era infinitamente maggiore che nelle altre.

 

L’esperimento ha dimostrato, nello specifico, che nelle colture realizzate dopo aver pulito le mani la crescita di batteri e muffe era più bassa dell’89-100% rispetto a quella presente nelle colture create con le mani sporche. Gli insegnanti di tre classi hanno osservato che il gel igienizzante sembrava essere più efficace del lavaggio, mentre i maestri delle altre due classi hanno rilevato che entrambe le tecniche erano efficaci nello stesso modo. “L'igiene delle mani è uno dei metodi più efficaci per prevenire le malattie, eppure questo concetto non sembra ancora consolidato - spiega Kavita Imrit-Thomas, che ha diretto lo studio -. Gli studenti erano entusiasti dopo aver eseguito un esperimento scientifico divertente e interattivo sull'igiene delle mani”.

 

Gli autori hanno poi osservato che nei 30 giorni successivi all'inizio dell'esperimento, gli insegnanti hanno rilevato un incremento dell’abitudine dei bambini di lavare le mani compreso tra il 68 e il 100%. Inoltre, il confronto tra le assenze per malattia registrate nei 30 giorni precedenti alla sperimentazione e quelle rilevate nel mese seguente, ha evidenziato una riduzione del 71%: prima della sperimentazione le assenze sono state 126, mentre dopo sono scese a 37. 

 

Foto: © shotsstudio - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 11/10/2017