Logo salute24

Banana, avocado e spinaci proteggono il cuore e le arterie

Il consumo regolare di banane, avocado e spinaci potrebbe proteggere la salute cardiovascolare. Questi alimenti sono infatti ricchi di potassio, una sostanza che aiuterebbe a prevenire la calcificazione vascolare - una patologia che provoca l'indurimento delle pareti dei vasi sanguigni, che finiscono per trasformarsi in tessuti simili a quelli ossei. A rivelarlo è uno studio pubblicato sulla rivista JCI Insight dai ricercatori dell'Università dell’Alabama di Birmingham (Usa), secondo cui la carenza di potassio favorirebbe un’elevata rigidità arteriosa, che a sua volta aumenterebbe il rischio di essere colpiti da malattie cardiache, infarto e ictus

 

“Un ridotto apporto di potassio tramite la dieta risulta collegato allo sviluppo di diverse malattie umane, compresa aterosclerosi, diabete e malattia renale cronica - scrivono gli autori -. Tutte queste malattie hanno in comune le complicazioni vascolari, come la calcificazione dei vasi sanguigni”.

 

La ricerca è stata condotta su alcuni topi predisposti allo sviluppo dell’aterosclerosi, che sono stati suddivisi in tre gruppi. Gli scienziati li hanno nutriti con una dieta che conteneva livelli bassi (0,3%), medi (0,7%) o elevati (2,1%) di potassio per un lungo periodo di tempo. Al termine della sperimentazione, gli autori hanno osservato che i roditori che avevano seguito il regime alimentare povero di potassio mostravano un significativo aumento della calcificazione vascolare. Gli animali nutriti con la dieta ricca del minerale, invece, presentavano una ridotta rigidità dei vasi sanguigni. 

 

Alla luce di questi risultati, gli autori ritengono che consumare frequentemente cibi ricchi di potassio potrebbe aiutare a mantenere flessibili i vasi sanguigni e prevenire le malattie cardiovascolari. Inoltre, reputano che la scoperta potrebbe favorire lo sviluppo di nuove terapie capaci di migliorare la prevenzione e il trattamento della calcificazione vascolare e della rigidità arteriosa. “I risultati della ricerca hanno un significativo potenziale - spiega Paul Sanders, che ha preso parte allo studio -, perché dimostrano i benefici di un adeguato apporto di potassio per la prevenzione della calcificazione vascolare nei topi predisposti allo sviluppo dell’aterosclerosi, e l'effetto negativo associato a una bassa assunzione di potassio”.

 

Foto: Pixabay

di Nadia Comerci
Pubblicato il 23/10/2017