Logo salute24

Morbillo, è boom di contagi: da inizio anno più di 4600

Sono 4652 i casi accertati di morbillo da gennaio 2017. Poco meno del 90% degli individui colpiti dal virus non erano vaccinati; la malattia ha causato inoltre il decesso di quattro persone. Sono gli ultimi dati del ministero della Salute e dell'Iss-Istituto superiore di Sanità contenuti nel bollettino numero 29. 

 

L'età mediana del contagio è 27 anni con la stragrande maggioranza dei contagi (74%) registrata in persone con almeno 15 anni di età. In più di un terzo dei casi è sorta almeno una complicanza della malattia e in tante occasioni ha reso necessario l'accesso al pronto soccorso (22%) o il ricovero (44%). Sono stati segnalati, inoltre, 302 casi di morbillo fra gli operatori sanitari. 

 

Il morbillo è una malattia virale altamente contagiosa. La trasmissione del virus avviene mediante le goccioline di saliva emesse da persone contagiate che tossiscono o starnutiscono. Le complicanze più frequenti sono l'otite e la diarrea, ad esempio, fino alla ben più grave encefalite. Il monitoraggio di ministero e Iss è stato avviato all'inizio del 2017 per descrivere tempestivamente l'epidemia di morbillo in corso. Tutte le Regioni hanno partecipato al monitoraggio fornendo i dati sui contagi che in poco meno del 90% si concentrano tuttavia in sette Regioni: Piemonte, Lazio, Lombardia, Toscana, Abruzzo, Veneto e Sicilia.

di redazione
Pubblicato il 12/10/2017