Logo salute24

Giornata mondiale della vista, occhio secco: Pc, tablet e smartphone possono favorirlo

Tecnologica nemica della vista. Tenere per troppo tempo gli occhi incollati su computer, tablet e smartphone può infatti favorire la comparsa della sindrome dell'occhio secco. Si tratta di una condizione molto diffusa sebbene resti ancora sconosciuta a tante persone.

 

Secondo un sondaggio condotto da Edra per Novartis in occasione della Giornata Mondiale della vista, in calendario oggi 12 ottobre, è emerso che il 65% degli intervistati ha accusato disturbi oculari negli ultimi 12 mesi. I sintomi riferiti più spesso andavano dalla secchezza all'arrossamento, dalla sensazione di avere qualcosa nell’occhio al bruciore e alla fotofobia. Tutti sintomi che rientrano nella sindrome da occhio secco che però un intervistato su due non è riuscito a identificare con precisione.  

 

Moltissime persone intervistate, però, quasi l'80%, sono state in grado di associare questi disturbi all'uso prolungato dei dispositivi elettronici. Nonostante questa consapevolezza in tanti hanno confessato di fare poco o nulla per limitare il tempo passato davanti agli schermi hi-tech che in quasi il 60% dei casi era, in media, pari ad almeno a cinque ore al giorno.

 

Foto: © slasnyi - Fotolia

 

di redazione
Pubblicato il 12/10/2017