Logo salute24

Intelligenza artificiale, il futuro della diagnosi dei tumori

In futuro l’impiego dell’intelligenza artificiale potrebbe rendere possibile la rilevazione precoce del cancro colorettale già durante la colonscopia. Questo permetterebbe di rimuovere immediatamente i polipi adenomatosi - che rischiano di diventare tumori - e di evitare l’asportazione di quelli innocui. Lo evidenzia uno studio presentato in occasione della “25th UEG Week”, la conferenza annuale della United European Gastroenterology che si è svolta dal 28 ottobre al 1° novembre a Barcellona (Spagna), dal team di scienziati diretto da Yuichi Mori della Showa University di Yokohama (Giappone). 

 

Gli esperti hanno testato in un contesto clinico un nuovo sistema endoscopico assistito dall'intelligenza artificiale (IA), sviluppato in Giappone, che sarebbe in grado d’identificare gli adenomi colorettali durante la colonscopia. Per riuscirci, questo metodo diagnostico impiega un'immagine endocitoscopica - che risulta ingrandita di 500 volte - di un polipo colorettale per analizzare circa 300 funzionalità dei polipi presi in esame. In particolare, risulta in grado di confrontare le caratteristiche di ciascun polipo con quelle di oltre 30.000 immagini endocitoscopiche, permettendo di diagnosticare la presenza di una lesione pericolosa in meno di un secondo.

 

Nel corso della sperimentazione, i ricercatori hanno testato il sistema su 250 volontari di entrambi i sessi, che presentavano dei polipi nel colon retto. Nello specifico, hanno utilizzato questo metodo per valutare in tempo reale le caratteristiche di 306 polipi e, successivamente, hanno confrontato i dati ottenuti con i risultati delle biopsie dei polipi che erano stati rimossi chirurgicamente. Al termine dell’analisi, hanno scoperto che nell'identificazione dei cambiamenti neoplastici il sistema assistito dall’IA garantiva una sensibilità del 94%, un’accuratezza dell'86%, una specificità del 79% ed era in grado d’individuare il 93% dei valori positivi e il 79% di quelli negativi. 

 

“La scoperta più significativa di questo sistema è che l'intelligenza artificiale consente una biopsia ottica in tempo reale dei polipi colorettali durante la colonscopia, indipendentemente dall'abilità dell'endoscopista - spiega il dottor Mori -. Questo consente la completa resezione dei polipi adenomatosi e permette di evitare la politectomia inutile dei polipi non neoplastici. Riteniamo che questi risultati siano soddisfacenti per passare all'applicazione clinica, per cui il nostro prossimo obiettivo consisterà nell'ottenere l'approvazione del sistema diagnostico”.

 

Foto: © CLIPAREA.com - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 16/11/2017