Logo salute24

Hiv, in leggero calo il numero delle nuove infezioni in Italia

Diminuisce, seppur leggermente, il numero delle nuove infezioni da virus dell'HIV in Italia. Nel 2016 sono stati registrati 3451 casi di infezioni virali per un'incidenza pari a 5,7 casi ogni 100 mila residenti. Anche considerando l'ultimo quadriennio 2012-2016 la quantità di nuove diagnosi appare in lieve calo. A comunicarlo, alla vigilia della Giornata mondiale contro l'Aids del primo dicembre, il ministero della Salute. I dati sono stati diffusi dall'Istituto superiore di Sanità. 

 

Le regioni con l’incidenza più alta sono il Lazio, le Marche, la Toscana e la Lombardia. Le nuove diagnosi hanno riguardato prevalentemente individui di sesso maschile, con il 76,9% dei casi. L'età mediana è di 39 anni tra gli uomini e di 36 fra le donne mentre l'incidenza più alta ha interessato individui di età compresa tra 25 e 29 anni.  

 

La maggior parte dei nuovi HIV positivi sono maschi eterosessuali e maschi che fanno sesso con maschi. Anche per le nuove diagnosi di Aids è stato registrato un lieve calo mentre il numero dei decessi causato dalla sindrome da immunodeficienza acquisita resta stabile.

 

Foto: © WavebreakmediaMicro - Fotolia.com

 

di redazione
Pubblicato il 30/11/2017