Logo salute24

Menopausa, il legame tra vampate di calore e il diabete

Le vampate di calore che molte donne sperimentano durante la menopausa, potrebbero accrescere il rischio di sviluppare il diabete. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Menopause dai ricercatori della North American Menopause Society (Nams), secondo cui il pericolo sarebbe peggiore se questo sintomo è associato alla sudorazione notturna.

 

La ricerca ha esaminato i dati raccolti dall’indagine "Women's Health Initiative (Whi)”, che ha coinvolto oltre 150 mila donne in postmenopausa, fra le quali il 33% aveva sperimentato vampate di calore. L’indagine ha evidenziato che la presenza di vampate di calore era associata a un rischio maggiore di essere colpiti da diabete. In particolare, qualsiasi incidenza con cui si verificava questo fenomeno è stata associata a un aumento del 18% delle probabilità di sviluppare la malattia. Inoltre, il rischio cresceva in concomitanza con l’incremento della gravità e della durata delle vampate di calore. Gli scienziati hanno anche osservato che le probabilità d’incorrere nel diabete erano più elevate se questo sintomo era accompagnato dalla sudorazione notturna, anche se questo risultava valido soltanto nel caso in cui le vampate di calore comparivano più tardi, non nelle fasi inziali della menopausa.

 

“La menopausa è un momento perfetto per incoraggiare le donne a mettere in atto cambiamenti comportamentali che riducano l’insorgenza dei sintomi della menopausa, così come il rischio di diabete e di malattie cardiache – osservaa JoAnn Pinkerton, docente di Ostetricia e ginecologia presso l’Università della Virginia di Charlottesville (Usa) e Direttore esecutivo di Nams -. È consigliabile praticare regolarmente esercizio fisico, dormire in modo adeguato, evitare l'assunzione eccessiva di bevande alcoliche, smettere di fumare e seguire un’alimentazione diretta a proteggere la salute del cuore. Per le donne che presentano già i sintomi della menopausa, la terapia ormonale potrebbe offrire dei benefici e ridurre il rischio di diabete”.

 

Foto: © contrastwerkstatt - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 14/12/2017

potrebbe interessarti anche: