Logo salute24

Uomini lagnosi? Forse no. Soffrono di più quando influenzati

È opinione comune che quando gli uomini contraggono l’influenza, tendono a essere eccessivamente lamentosi. Ma se soffrissero davvero più delle donne? Secondo uno scienziato canadese la debolezza dimostrata dagli esponenti del sesso forte in questa circostanza potrebbe avere un fondamento biologico. “Gli uomini potrebbero non esagerare i sintomi, ma disporre di difese immunitarie più deboli nei confronti dei virus che colpiscono le vie respiratorie - spiega Kyle Sue, un ricercatore della Memorial University of Newfoundland di St. John's -. Questo determina una maggiore morbilità e mortalità rispetto a quanto osservato nelle donne”.

 

Nel corso dell’indagine, pubblicata sulla rivista BMJ, l’esperto ha esaminato i risultati di numerose ricerche riguardanti questo tema. Al termine dell’analisi, ha scoperto che gli uomini adulti hanno maggiori probabilità di andare incontro a un ricovero ospedaliero e presentano tassi più elevati di decessi legati all'influenza rispetto alle donne della stessa fascia d’età. Inoltre, ha osservato che in relazione a molte malattie respiratorie acute i maschi sono più vulnerabili alle complicazioni e presentano una mortalità più elevata. Infine, ha rilevato che il sesso forte soffre più di quello debole quando è affetto da malattie respiratorie virali, perché sarebbe dotato di un sistema immunitario meno forte.

 

Il dottor Sue precisa che sono necessari ulteriori studi più approfonditi per chiarire quali sono gli effetti dell'influenza sugli uomini. “Resta incerto se l’entità dei virus, la risposta immunitaria, i sintomi e il tempo di recupero possano essere influenzati dalle condizioni ambientali - precisa l’esperto -. Tuttavia, un sistema immunitario meno robusto potrebbe anche rappresentare un vantaggio evolutivo, poiché ha permesso agli uomini d’investire la loro energia in altri processi biologici, come la crescita, le caratteristiche sessuali secondarie e la riproduzione”. 

 

Lo studioso ipotizza che la tendenza a risparmiare energie quando si è malati potrebbe determinare alcuni benefici: “Restare sdraiati sul divano, non alzarsi dal letto o ricevere assistenza nello svolgimento delle attività quotidiane potrebbero costituire comportamenti evolutivi che proteggono dai predatori - conclude Sue -. Forse è arrivato il momento di creare spazi ‘male friendly’, dotati di televisori enormi e sedie reclinabili, dove gli uomini possano riprendersi dagli effetti debilitanti dell'influenza in comfort e sicurezza”.

 

Foto: © Photographee.eu - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 13/12/2017