Logo salute24
05-01-2018

Depressione: rallenta l'incidenza in Italia


Rispetto al 2008, gli italiani sono meno depressi. Anche se le dimensioni del problema restano elevate, l’incidenza del disturbo in Italia risulta in calo. Lo evidenzia l'analisi dei dati di Epicentro, il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica dell'Istituto Superiore Sanità, nell'ambito del monitoraggio sullo stato di salute della popolazione adulta italiana.


Dall’analisi emerge che nel triennio 2013-2016 il 5,6% degli italiani di età compresa tra 18 e 69 anni (circa 2 milioni e mezzo) ha sofferto di sintomi depressivi e, nel mese che ha preceduto l'intervista, ha percepito come “compromesso” il proprio benessere psicologico per una media di 15 giorni. Si tratta di un valore inferiore al 2008, quando la percentuale degli individui affetti da depressione raggiungeva il 7,8%.


La Regione più colpita è stata il Molise: il 10,1% dei cittadini molisani ha dichiarato di soffrire di disturbi depressivi. Al secondo posto si classifica la Sardegna, dove la depressione ha interessato l’8,4% della popolazione, seguita dall’Umbria, dove la percentuale delle persone depresse ha raggiunto l’8,2%.