Logo salute24
08-01-2018

Mano bionica: impiantata in Italia per la prima volta


Per la prima volta è stata impiantata in Italia una mano bionica dotata del senso del tatto. La protesi, che rappresenta una versione migliorata di una mano impiantata su un uomo danese nel 2014, è stata realizzata dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e dal Politecnico di Losanna, e risulta capace di percepire il contatto con gli oggetti.


L’intervento d’impianto è stato eseguito nel mese di giugno 2016 da un’equipe del Policlinico Gemelli di Roma su Almerina Mascarello, una donna italiana di 55 anni che vive in Veneto e che aveva perso la mano sinistra durante un incidente in fabbrica. I risultati della sperimentazione, durata sei mesi, sono in via di pubblicazione su una rivista scientifica internazionale. 


La mano bionica è molto simile, per dimensioni e per peso, a una mano in carne e ossa. Inoltre, non è solo in grado di afferrare gli oggetti, ma è anche capace di percepirne la consistenza. È corredata da uno zainetto, realizzato insieme all'Università di Cagliari, che “racchiude il sistema che registra i movimenti dei muscoli e li traduce in segnali elettrici, poi trasformati in comandi per la mano – spiega Silvestro Micera, che ha coordinato il gruppo di ricerca -. Un altro sistema trasforma l'informazione registrata dai sensori della mano in segnali da inviare ai nervi e quindi in informazioni sensoriali”.


“Dopo sei mesi l'impianto è stato tolto – aggiunge l’esperto -. L'obiettivo ultimo è rendere questa tecnologia utilizzabile clinicamente. Lo zainetto è stato uno step intermedio e il prossimo passo è miniaturizzare l'elettronica”.

potrebbe interessarti anche: