Logo salute24

Trattenere lo starnuto? Meglio non farlo

Anche se ci si trova in circostanze “delicate”, è consigliabile non trattenere gli starnuti. Farlo potrebbe, infatti, essere pericoloso secondo i ricercatori britannici della University Hospitals of Leicester NHS Trust di Leicester, che in un articolo pubblicato sulla rivista BMJ Case Report hanno illustrato il caso di un uomo che, per non starnutire, è andato incontro alla lacerazione della gola.

 

Gli autori spiegano che un signore di 34 anni si è presentato al pronto soccorso con il collo ingrossato, quasi incapace di parlare e di deglutire. Il paziente ha spiegato di aver trattenuto uno starnuto – tenendo naso e bocca chiusi – e di aver sentito, in quel momento, la sensazione di uno scoppio nel collo, che si è immediatamente gonfiato ed è diventato molto doloroso.

 

L’esame dei medici, confermato da una Tac, ha rivelato che a causa della pressione, la gola dell’uomo aveva subito una rottura, e che l’aria che fuoriusciva dalla trachea passava attraverso il tessuto del collo e i muscoli del torace. A causa del rischio di gravi complicazioni, il paziente è stato quindi ricoverato in ospedale, dov’è stato alimentato artificialmente con una sonda e ha ricevuto una terapia antibiotica, fino a quando il gonfiore e il dolore si sono attenuati. Dopo sette giorni di ricovero, i medici hanno stabilito che le sue condizioni erano migliorate a sufficienza per dimetterlo, ma gli hanno raccomandato di non trattenere più gli starnuti in futuro.

 

“Trattenere gli starnuti bloccando le narici e la bocca è una manovra pericolosa, che dovrebbe essere evitata - avvertono gli autori -. Può causare numerose complicazioni, come lo pneumomediastino, la perforazione del timpano e persino la rottura di un aneurisma cerebrale”.

 

Foto: © decade3d - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 18/01/2018