Logo salute24
24-01-2018

Febbre gialla: guida per i viaggi in Brasile


Ai viaggiatori italiani che intendono recarsi in Brasile, il Ministero della Salute raccomanda di vaccinarsi contro la febbre gialla. Negli ultimi mesi del 2017 e all’inizio del 2018 sono stati, infatti, notificati dal Paese sudamericano nuovi casi, nonostante l’epidemia di febbre gialla che aveva colpito il Brasile negli ultimi due anni fosse stata dichiarata conclusa a settembre 2017. Gli stati maggiormente colpiti sono São Paulo, Mina Gerais, Rio de Janeiro e Distretto Federale.


Il Ministero consiglia ai turisti di consultare la “Guida alle vaccinazioni contro la febbre gialla e profilassi antimalarica nel mondo”, per verificare le zone in cui la vaccinazione è raccomandata. Il vaccino contro la febbre gialla può essere somministrato alle persone di età superiore a 9 mesi e conferisce una protezione valida per tutta la vita. Per le persone affette da malattie autoimmuni, immunodeficienze o da altre condizioni debilitanti - compresa un’età molto avanzata -, si raccomanda di consultare un medico prima di effettuare la vaccinazione.


Dato che il virus della febbre gialla viene trasmesso alle persone dalla puntura di zanzare - principalmente dell’Aedes aegypti, che in Brasile è maggiormente attiva nei mesi da dicembre a luglio -, si consiglia anche di applicare le seguenti misure di protezione personale, per evitare le punture di zanzara:


- usare repellenti cutanei rispettando le indicazioni riportate sulle confezioni;


- indossare abiti possibilmente di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo;


- soggiornare in stanze con zanzariere o schermi alle porte e alle finestre, o in stanze con aria condizionata, oppure dormire in letti provvisti di zanzariera.

potrebbe interessarti anche: