Logo salute24
23-02-2018

Nanorobot: attraverso il Dna distruggono il tumore


Realizzati nanorobot composti da frammenti di Dna capaci di attraversare l'organismo e di uccidere quattro diversi tipi di tumori. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology dagli scienziati del National Center for Nanoscience and Technology di Pechino (Cina) e dell'Arizona State University di Tempe (Usa), secondo cui i nuovi dispositivi sarebbero in grado di eliminare il cancro “affamandolo”, ossia chiudendo i vasi sanguigni che lo nutrono.


I ricercatori hanno sviluppato i nanorobot ripiegando su se stessi alcuni frammenti di Dna, come se fossero origami. Hanno così ottenuto dei dispositivi mille volte più piccoli di un capello, che sono stati equipaggiati con un enzima, chiamato trombina, capace di chiudere i vasi sanguigni dei tumori attraverso la formazione di coaguli. Nelle sperimentazioni, li hanno utilizzati per sconfiggere le forme umane dei tumori di seno, ovaie, polmoni e pelle, con risultati promettenti. 


Nello specifico, dopo essere stati iniettati in alcuni topi, i nanorobot hanno viaggiato nel sangue e sono stati in grado di riconoscere le cellule tumorali grazie a una molecola che si lega soltanto alle cellule maligne. Arrivati a destinazione, i nanorobot hanno liberato la trombina, provocando la morte del tumore per fame. La tecnica, concludono gli esperti, non ha provocato effetti collaterali.