Logo salute24
22-02-2018

Longevità: nelle regioni del Nord si vive più a lungo


Nelle regioni del Nord Italia si vive più a lungo che nel Meridione. Lo evidenzia il focus: “Le disuguaglianze di salute in Italia” pubblicato dall'Osservatorio Nazionale della Salute nelle Regioni Italiane, secondo cui in Trentino Alto Adige si vivrebbe in media fino a tre anni in più che in Campania: nel 2017 nella Provincia Autonoma di Trento l’aspettativa di vita degli uomini è pari a 81,6 anni e quella delle donne si attesta a 86,3 anni, mentre nella regione meridionale gli uomini vivono mediamente fino a 78,9 anni e le donne fino a 83,3 anni.


L’indagine rileva che la maggiore sopravvivenza si registra nel Nord-Est, dove la speranza di vita per gli uomini è di 81,2 anni e per le donne è pari a 85,6 anni. Nel Mezzogiorno, invece, si attesta a 79,8 anni per gli uomini e a 84,1 anni per le donne. L'Osservatorio precisa che in Italia si vive più a lungo a seconda del luogo di residenza o del livello d'istruzione: l’aspettativa di vita risulta più bassa per le persone che vivono al Sud - in particolare in Campania – e che non sono laureate. 


Secondo la ricerca le province più longeve d'Italia sono Firenze, Monza e Treviso. Con 84,1 anni di aspettativa di vita, la città toscana totalizza 1,3 anni in più rispetto alla media nazionale, mentre Monza e Treviso registrano poco più di un anno di vantaggio. Le province di Caserta e Napoli presentano, invece, una speranza di vita di oltre 2 anni inferiore rispetto a quella nazionale. Seguono Caltanissetta e Siracusa, dove lo svantaggio in termini di sopravvivenza si attesta rispettivamente a 1,6 e 1,4 anni.