Logo salute24
12-04-2018

Perdita udito, a rischio i fumatori


I fumatori corrono maggiori rischi di perdere l'udito. Lo svela uno studio pubblicato sulla rivista Nicotine & Tobacco Research da un team di ricercatori giapponesi diretto da Huanhuan Hu del Nationale Center for Global Health and Medicine di Tokyo, che afferma: “Data la grande dimensione del campione, il lungo periodo di follow-up e la valutazione obiettiva della perdita dell'udito, il nostro studio fornisce prove evidenti del fatto che il fumo rappresenta un fattore di rischio indipendente per l’ipoacusia. Questi risultati sottolineano la necessità di controllare l’uso del tabacco per prevenire o ritardare l’insorgenza della perdita dell'udito”.


La ricerca ha coinvolto 50.195 persone di età compresa tra 20 e 64 anni, che sono state seguite per 8 anni. Gli studiosi hanno sottoposto i volontari a visite sanitarie e a un questionario riguardante il loro stile di vita. Al termine dell’analisi, gli autori hanno scoperto che i fumatori correvano un rischio maggiore di essere colpiti da ipoacusia rispetto ai non fumatori. In particolare, avevano probabilità più alte di 1,6 di soffrire di perdita dell'udito ad alta frequenza e di 1,2 di sviluppare la perdita dell'udito a bassa frequenza. Inoltre, il pericolo di essere colpiti da entrambi i disturbi aumentava in corrispondenza con l’incremento del consumo di sigarette. È però emerso che dopo aver smesso di fumare da 5 anni il rischio di ipoacusia tornava a diminuire, concludono gli esperti. 

potrebbe interessarti anche: