Logo salute24
22-03-2018

Tubercolosi, obiettivo estinzione malattia in Europa nel 2030


Negli ultimi dieci anni il numero dei nuovi pazienti affetti da tubercolosi è diminuito a un tasso medio del 4,3% annuo nella Regione Europea dell'Oms. Lo evidenzia un rapporto pubblicato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e dall'Ufficio regionale dell'Oms (Organizzazione mondiale della sanità) per l'Europa, secondo cui nonostante rappresenti il più rapido calo al mondo, questa tendenza non sarebbe sufficiente a porre fine all'epidemia di tubercolosi entro il 2030, come previsto nella strategia “End Tb” e dagli obiettivi di sviluppo sostenibile.


“Non è sufficiente 'camminare' verso la fine della tubercolosi, perché in questo modo arriveremmo troppo tardi per troppe persone - afferma Zsuzsanna Jakab, Direttore regionale dell'Oms per l'Europa -. Abbiamo bisogno di ‘compiere un balzo in avanti’ e investire ora per ottenere benefici individuali e vantaggi sociali. Il Piano d’azione della Regione europea dell'Oms contro la Tubercolosi 2016-2020 dimostra che l’adozione di misure coraggiose consentirà di salvare oltre tre milioni di vite e 48 miliardi di dollari in cinque anni in questa Regione. Abbiamo bisogno di rinnovare l'impegno politico a tutti i livelli per conseguire risultati tangibili e immediati che cambino e salvino la vita di tutte quelle persone che oggi soffrono di tubercolosi, e che garantiscano un domani un mondo senza tubercolosi per i nostri bambini”.


“Restare vigili sulla tubercolosi, anche in contesti a bassa incidenza, è importante a causa del potenziale ritorno di questa malattia trasmessa per via aerea, soprattutto alla luce dell'aumento della mobilità della popolazione e della tubercolosi multi-resistente - aggiunge Andrea Ammon, direttore dell'Ecdc -. Le nuove tecnologie capaci di aiutare le indagini sulle epidemie transfrontaliere di tubercolosi resistente ai farmaci, come il sequenziamento dell'intero genoma, sono fondamentali per limitare la trasmissione della malattia nell'Unione europea/Spazio economico europeo”.