Logo salute24

Dalle api il segreto di come funziona il cervello

Osservare il comportamento di una colonia di api potrebbe aiutare a comprendere meglio il funzionamento del cervello umano. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Scientific Reports dagli scienziati dell'Università di Sheffield (Regno Unito) e dell’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - Consiglio Nazionale Delle Ricerche di Roma, diretti da Andreagiovanni Reina, che afferma: “Questo studio è emozionante perché suggerisce che, quando prendono decisioni collettive, le colonie di api seguono le stesse leggi del cervello”.

 

I ricercatori hanno scoperto che le api che fanno parte di una colonia si comportano nello stesso modo in cui operano i neuroni cerebrali. Pertanto, osservarne gli atteggiamenti potrebbero aiutare a capire meglio i meccanismi che sono alla base del comportamento umano. Per giungere a queste conclusioni, gli esperti hanno analizzato il modo in cui le api decidono dove costruire il loro nido in situazioni diverse. Hanno quindi considerato la colonia di api come un singolo “superorganismo” che mostra una risposta coordinata agli stimoli esterni, proprio come il cervello umano. 

 

Studi precedenti hanno dimostrato che il cervello dell'uomo e di altri animali segue determinate regole chiamate “leggi psicofisiche”. Anche se i singoli neuroni non vi obbediscono, il cervello nel suo complesso lo fa. Allo stesso modo, questo studio ha dimostrato che anche se le singole api non obbediscono alle leggi psicofisiche, il superorganismo - ossia la colonia - lo fa. Sulla base dei risultati dell’indagine, gli autori hanno concluso che il modo in cui le api comunicano tra loro e assumono decisioni è paragonabile al modo in cui i singoli neuroni presenti nel cervello umano interagiscono tra di loro. La scoperta, precisano gli scienziati, consentirà di comprendere meglio i principi fondamentali che generano queste leggi studiando i superorganismi come le colonie di api, che sono molto più semplici da osservare rispetto ai neuroni cerebrali.

 

“Lo studio supporta l’idea che le colonie di api siano simili a organismi completi o meglio ai superorganismi, composti da un gran numero di individui completamente sviluppati e autonomi che interagiscono tra loro per produrre una risposta collettiva – precisa il dottor Reina -. Partendo da questo presupposto, è possibile individuare dei parallelismi tra le api di una colonia e i neuroni del cervello, che ci aiutino a comprendere e identificare i meccanismi generali che sono alla base delle leggi psicofisiche, che potrebbero infine condurre a una migliore comprensione del cervello umano. Trovare somiglianze tra il comportamento delle colonie di api e quello dei neuroni cerebrali è utile perché studiare il comportamento delle api impegnate a scegliere il nido è più semplice che osservare i neuroni durante il processo di assunzione di decisioni”.

 

Foto: © Pixabay

di Nadia Comerci
Pubblicato il 03/04/2018

potrebbe interessarti anche: