Logo salute24
16-04-2018

Passione per i dolci, c'è un gene che la determina


Le persone dotate di una particolare variante genetica hanno una spiccata passione per i dolci, ma tendono ad accumulare meno grasso corporeo. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Cell Reports da un gruppo di ricerca internazionale guidato dagli scienziati dell'Università di Copenaghen (Paesi Bassi), secondo cui chi possiede una mutazione genetica dell’ormone chiamato “fattore di crescita dei fibroblasti” (Fgf21) tenderebbe a consumare grandi quantità di cibi ricchi di zuccheri ma, nello stesso tempo, a restare magro.


La ricerca, condotta sui dati sanitari di 451.099 persone che avevano preso parte allo “UK Biobank study”, ha evidenziato che gli individui dotati della variante genetica di Fgf21 hanno una maggiore tendenza a mangiare alimenti dolci, ma accumulano meno grasso corporeo. Tuttavia, come rovescio della medaglia, hanno anche maggiori probabilità di soffrire d’ipertensione e tendono ad accumulare l’adipe all’altezza del girovita, anziché a distribuirlo per tutto il corpo. 


La scoperta, secondo gli autori, potrebbe favorire lo sviluppo di nuovi trattamenti contro l’obesità e il diabete. “A causa della sua connessione con lo zucchero, Fgf21 costituisce un potenziale bersaglio terapeutico per il trattamento dell'obesità e del diabete – sottolinea Niels Grarup, che ha preso parte all’indagine -. Questa ricerca ci aiuta a comprendere i meccanismi di base dell'ormone e a prevederne le conseguenze e gli effetti collaterali”.

potrebbe interessarti anche: